Molosa (Colla) giro del Monte Toraggio da Pigna per il Passo Incisa

difficoltà: OC+ / OC+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Tutte
quota partenza (m): 280
quota vetta/quota massima (m): 1545
dislivello salita totale (m): 1935
lunghezza (km): 36

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: baloo
ultima revisione: 02/11/10

località partenza: Pigna (Pigna , IM )

punti appoggio: Rifugio Allavena, Rifugio Muratone

cartografia: Moyenne Roya-Val Nervia e Argentina n°2

note tecniche:
Giro molto impegnativo ,giro da considerarsi "ciclo-escursionisticp" non tanto per il chilometraggio, ma per l'asperità del terreno che prevede lunghi tratti di "portage" . Inoltre il sentiero è a volte stretto ed esposto ... consigliato a bikers motivati e allenati.
Poca acqua sul percorso

descrizione itinerario:
si parte dal centro paese a Pigna , si sale tramite asfalto (circa 4 km) sino al paesino di Buggio .
Da Buggio si sale alla Madonna di Lausegno (prima bella via sacra su lastricato) e di lì si imbocca il sentiero nel bosco che ciclabile al 40% circa sale sino alla strada per Lago Tanarda e Colla Melosa proprio nel tratto che diventa sterrato (si può arrivare ovviamente allo stesso punto facendosi tutta la strada dalla Colla Langan).
Di qui in sella sulla sterrata molto ripida ma ciclabile sino a Colla Melosa e più su verso il Rifugio Grai .
Prima di raggiungere il Grai in un tornante a gomito si svolta a sinistra sul sentiero che ci porta sulla dorsale alta (in cartina ad imboccare il sentiero Bicknell dell'alta via) che che ci fa con fatica e bici in spalla scollinare fino al Passo Incisa aggirando il bellissimo Monte Pietravecchia.
Dal passo Incisa si prende il sentiero alpini (segnalato mtb vtt) bellissimo, prestare però attenzione ai tratti esposti.
Di quì, lunga meravigliosa discesa tutta ciclabile anche se in certi punti dissestata fino al Colle Colbeau e poi privilegiando il versante italiano sino al Rifugio e Passo Muratone .
Da qui due opzioni.
A- più lunga e comoda su sterrata, poi cementata e poi asfaltata che con lunghi budelli porta a Pigna.
B - discesa verso la Madonna del Passoscio (sentiero rosso sulla carta Asf 234) sulla mulattiera subito a sinistra nel bosco, bel single track, poi ravanaggio nel bosco e poi altra via sacra sino a Pigna sbucando proprio al centro del paese.