Madre di Dio (Cima della) Traversata di cresta della Catena

difficoltà: AD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1762
quota vetta (m): 2960
dislivello complessivo (m): 1550

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: Giada
ultima revisione: 21/09/10

località partenza: Piano della Casa del Re (Valdieri , CN )

punti appoggio: Rifugio Remondino

bibliografia: All'Ombra della Nasta di Gianluca Bergese

note tecniche:
Via bella, lunga ed interessante su roccia generalmente buona anche se lichenata in più punti, che si snoda interamente in cresta, normalmente la via è percorsa da est ad ovest con partenza dal Colletto Freshfield m.2820 attraversa l’intera catena della Madre di Dio e tocca in ordine : Cima dei Camosci m.2860, Cima De Cessole m.2960 – m.2915, Cima Maubert m.2865, Madre di Dio m.2790 – m.2800. E’ consigliato l’avvicinamento dal Rifugio Remondino in quanto la salita al colletto Freshfield dal Rifugio Bozano richiede spesso fino a stagione inoltrata l’utilizzo di piccozza e ramponi. Ci sono numerose vie di fuga tutte rivolte lato Remondino (sud): canale del Colletto dei Camosci, parete sud della Cima De Cessole, e i canali del colletto De Cessole e della Madre di Dio, quest’ultimo credo si possa scendere anche verso nord.
La difficoltà nel complesso è AD+/D- spesso impegnativo, V-, V.
La roccia nei tratti più impegnativi è buona e la scalata divertente, sono presenti alcuni chiodi sulla via (nei punti più duri) da integrare con nut, friend e cordini. Sulla Cima De Cessole ci sono da fare delle calate in doppia: una prima tra le due cime (2 chiodi e cordino, da controllare e integrare) e due o tre secondo la corda che si ha per scendere al Colletto De Cessole (ci sono 4 diverse calate su chiodi e cordini, da integrare e controllare, portare chiodi e martello). Nella descrizione della traversata delle 4 cime, riporto integralmente (a parte alcune mie aggiunte e integrazioni sulle calate e una variante finale molto bella) la relazione tratta da “All’ombra della Nasta” di Gianluca Bergese.

descrizione itinerario:
Dal Piano della Casa del Re m.1762 salire con sentiero al Rifugio Remondino m.2465, circa 2 ore. Dal rifugio proseguire sull’itinerario per il Passo dei Detriti, giunti alla base del conoide di detriti di quest’ultimo, proseguire a sinistra per tracce e giungere al Colletto Freshfield m.2820, circa 45 minuti.
Prima vetta: Cima dei Camosci m.2860 costituita da due punte, Est ed Ovest alte pressoché uguali. Salita dalla cresta est con discesa dalla cresta ovest. Partenza a sinistra del colletto Freshfield.
Dal colletto Freshfield seguire una rampa gradinata prima a sx e poi a dx, fino ad un terrazzo erboso; portarsi sullo spigolo E e quindi attraverso una fessura camino raggiungere la cresta e la vetta Est; discendere all’intaglio, aggirare la cresta di grossi blocchi per una cengia che corre sul lato N e pervenire nuovamente in cresta; di qui facilmente sulla vetta Ovest. Scendere lungo la cresta Ovest disarrampicando fino al colletto dei Camosci. Diff. PD
Seconda vetta: la più alta della catena: Cima De Cessole costituita da tre vette: la Est m.2960, la Ovest m.2915 e l’anticima Ovest. Salita dalla cresta Est con discesa dalla cresta Ovest.
Dal colletto dei Camosci lungo il filo di spigolo (leggermente a sx), per un diedro verticale fino al suo termine (IV); da un piccolo terrazzo superare un tratto leggermente strapiombante (IV+) che precede nuovamente la cresta, cui si giunge per un canalino che ora si abbatte. Traversando verso N, ritornare sul filo (III+) ed in breve si giunge alla cima Est. Raggiunto l’intaglio tra le due cime, con una breve corda doppia (chiodi e cordino sul posto) ci si porta su un terrazzino sul lato N e risalendo la placca verticale (IV+) si raggiunge l’affilato spigolo a sx; di qui per il filo (IV), poi a dx per una paretina verticale, indi nuovamente lungo lo spigolo raggiungendo la cima Ovest. Spostandosi poi più a O sull’anticima, e portandosi poi sulla verticale del colletto De Cessole su cui si scende con due corde doppie da 40 e 20 metri (chiodi e cordini sul posto). Diff. D- (IV+).
Terza vetta: Cima Maubert m.2865. Salita dalla cresta Est con discesa dalla cresta/versante Ovest.
Dal colletto De Cessole per un primo tratto verticale si perviene ad un intaglio laddove la cresta si allarga; si sale diritti poi a dx ed in seguito a sx fino ad un terrazzino (III+). Si aggira un risalto a dx giungendo presso un ripiano alla base di un camino. Lo si affronta (uscita leggermente strapiombante,III) e si raggiunge la cresta e di li fino in vetta. Dalla vetta scendere la cresta ovest alla meglio disarrampicando, e tramite un ampio canale e rampe fino al colletto della Madre di Dio. Diff. AD- (III+).
Quarta ed ultima vetta: la Madre di Dio m.2790 – m.2800 costituita da due vette, la Ovest la più alta e dove è posta una statua bianca della Madonnina col Bambino in braccio, e la Est, separate tra loro da una forcella. Salita dalla cresta Est.
Dal colletto della Madre di Dio salire direttamente per rocce grigie verticali per circa 15 metri fino ad un terrazzino; a sx in un canalino (attenzione ad alcuni massi instabili) verso un ripiano esposto. A dx della parete verticale grigia lungo una fessura (V-) ed una successiva fessura-camino (III) che conduce all’intaglio sotto al torrione giallastro. Si va a S in direzione di una facile cengia fino ad un intaglio, che si aggira a sua volta a S per una cornice esposta (III+), quindi restando sempre sul lato S, per un canale portarsi in cresta dove in breve si arriva sulla cima Est; successivamente discendere all’intaglio tra le due vette, tenendosi sul versante N, scendere pochi metri a dx per contornare lo sperone roccioso che da sulla forcella e prendere a sx una fessura-diedro (V) che sbuca direttamente a sx della Madonnina sulla cima Ovest. Questa dall’intaglio è una nostra variante molto bella: il passaggio più impegnativo e divertente della via! Che è evitabile sul lato S, dalla forcella continuando sulla via normale fino in vetta. Diff. D- (V- e V).
Per la discesa dalla Madre di Dio scendere il ripido pendio-canale erboso Ovest, (F+, bollini rossi) si scende camminando con attenzione e disarrampicando in alcuni punti fino ad incrociare il sentiero che collega i Rifugi Bozano e Remondino. Si segue il sentiero in direzione del Remondino (alcune corde fisse) fino a quando si è più vicini al sentiero che giunge a quest’ultimo, da lì per tracce e pietraia ci si ricongiunge al sentiero che ci riporta al piano della Casa.

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Baus (Il) Via Normale dal Piano della Casa per il Colle della Culatta - (0 km)
Prefouns (Caire di) Traversata Nord-Sud, Cresta Savoia - (0 km)
Chiapous (Cima del) cresta Ovest - (0 km)
Valrossa (Cima Centrale di) Versante S - (0 km)
Prefouns (Caire di) via Renato Roberto - (0 km)
Punta Giovanna - Cresta Savoia Pocket gully - (0 km)
Madre di Dio (Cima della) Traversata di cresta della Catena - (0 km)
Prefouns (Caire di) Via Normale Canale NO dalle Terme di Valdieri - (0 km)
Claus (Testa del) Parete Est - (0 km)
Coolidge (Colletto) Canale di Lourousa - (0 km)
Mondini (Cima) Sperone sud - (0 km)
Stella (Monte) dalle Terme di Valdieri per il Canale di Lorousa e Colletto Coolidge, cresta SO - (0 km)
Asta Soprana (Cima dell') per il vallone di Lourousa - (0 km)
Bastione (Il) Via Normale da Gias delle Mosche - (0 km)
Argentera (Cima Nord e Sud) Traversata della Serra dell'Argentera per il Canale di Lourousa - (0 km)
Valrossa (Cima Sud di) da Terme di Valdieri - (0 km)
Funs (Il) da Terme di Valdieri - (0 km)
Tablasses (Testa di) Parete sud e cresta sud-ovest - (0 km)
De Cessole (Cima, Punta Est) da Pian della Casa del Re - (0 km)
Paur (Rocca la) da Terme di Valdieri per il Colle Est della Paur e parete NE - (0 km)
Oriol (Cima dell') Cresta Ovest - (0 km)
San Giovanni (Rocca Soprana di) daTerme di Valdieri per il lago di Valcuca - (0 km)
De Cessole (Cima, punta Ovest) Canale Nord del Colletto De Cessole - (0.1 km)
Brocan (Cima di) versante O, cresta N e traversata - (0.1 km)
Valmiana (Rocca di) Via Normale dalle Terme di Valdieri - (0.1 km)