Fauri Sud (Punta) dalla Val Troncea

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Nord-Est
quota partenza (m): 1605
quota vetta/quota massima (m): 2981
dislivello salita totale (m): 1380

copertura rete mobile
vodafone : 30% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: marcog72 Andrea81
ultima revisione: 27/08/15

località partenza: Pattemouche (Pragelato , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.2 Alta Valle di Susa, Val Chisone

accesso:
Nei weekend estivi un servizio di navetta collega l'imbocco della Val Troncea con il fondo della strada (bergerie del Mey). In questo modo si evita il lungo avvicinamento (9 km x 400 m di dislivello)

note tecniche:
Cima secondaria della dorsale di confine Troncea/Argentera. Comoda estensione alla facile escursione al Lago Fauri e al colle omonimo.
Il colle del Fauri è in realtà posto 350 più SO di dove indicato nelle cartine, ad una quota di 2888 m.

descrizione itinerario:
Poco prima del ponte (guado) per l'alpe Mey, si imbocca sulla dx (SO) il sentiero per il colle e il lago del Fauri (indicazioni). Il sentiero è poco marcato ma ben segnalato e sale ripidissimo nel primo tratto con numerose risvolte (alcuni cavi d'acciaio rivestiti aiutano nei punti più esposti). A 2350 m circa si esce nei pascoli sovrastanti che si attraversano verso SO restando in dx orografica. Superato il bivio per il lago Nero (cartello), un evidente colle quotato 2851 m si vede al fondo del vallone (è il colle Fauri secondo le carte), ma il sentiero piega a sx (est) e raggiunge il bel lago Fauri, poi prosegue verso SO raggiungendo il vero punto di passo (cartello, pannello del parco).
Dal colle si volge a sx (SE) e per tracce di sentiero si inizia a risalire la cresta. In breve, si raggiunge un salto che si discende facilmente per un breve camino (2 m II-), oppure aggirandolo ai lati, quindi si riprende sulla cresta di rocce rotte fino al segnale di pietre della vetta.