Castello (Rocca) Sete d'Oriente

difficoltà: D+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 2200
quota vetta (m): 2452
dislivello complessivo (m): 240

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: Liviell
ultima revisione: 15/06/10

località partenza: Chiappera (Acceglio , CN )

punti appoggio: Campo Base di Chiappera

bibliografia: Guida

note tecniche:
Prima salita: Januse Budzeiko, Daniele Caneparo, Krzysztof Dudzinski, Maurizio Oviglia, il 12 Febbraio 1984

Attacco: Una ventina di metri a dx della Balzola, alla base di un diedro mancino, sotto una serie di tettini.

Atrezzatura: via alpinistica interamente a chiodi, tranne la sosta in comune con la Balzola che è a spit. Qualche chiodo presente su tutti i tiri e alle soste. Ben integrabile con friends e nut. Necessarie corde da 60m

Le difficoltà indicate sono quelle date da Giovannino Massari.

descrizione itinerario:
L1: Salire il diedro fin sotto un tettino, traversare sotto il tetto a sx, uscire su un secondo diedro e passare di nuovo a sx un successivo tettino, ancora un diedro e si sosta su chiodo e cordoni (cordone nuovo aggiunto). Sosta scomoda e aerea. IV+
L2: Salire leggermente verso dx, oltrepassare una bombatura sulla dx, poi verso sx su placche, imboccare quindi una serie di fessuroni irregolari e sostare al di sopra su chiodi. V
L3: Salire per diedroni fessurati puntando poi verso sx alla comoda sosta della Balzola. IV
L4: Salire il muro rosso sovrastante dapprima verso dx poi diritti e a sx fino a una sosta su chiodi su esigua cengetta. 20m V-
L5: A sx superare il tetto per fessura, poi traversare decisamente a dx fino ad una fessura sotto un muro aggettante, superarlo direttamente e uscire sullo spigolo aereo a sx, continuare sullo spigolo fino alla sosta a sx di esso sotto un tetto. V
L6: Variante Motti-Sacco alla Balzola. Riprendere lo spigolo e risalirlo fino alla grande cengia alla base dell'ultimo salto. IV
L7: Rimontare la cengia e per muri e fessure saire fino in vetta. IV-

Discesa: Una doppia su fittone dalla punta fino alla sosta a spit del penultimo tiro della Balzola. Da li tre doppie da 60m (giuste giuste) fino a terra.