Freyty (Col e Tour du) da Ruz e il canalone SO

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1695
quota vetta/quota massima (m): 2487
dislivello salita totale (m): 792

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: benedetto
ultima revisione: 23/07/10

località partenza: Ruz, Dzovennoz (Bionaz , AO )

punti appoggio: Rifugio Crete Seche nelle vicinanze

cartografia: “carta dei Sentieri” de l’”Escursionista” (Valpelline-Saint Barthelemy)

bibliografia: Alpi Pennine I, Guida dei Monti d’Italia

note tecniche:
La torre è la prima puntina della catena dell’Aroletta, il colle è il primo colle da Sud che permette il passaggio dalla comba di Faudery a quella di Crete Seche.
Secondo il Buscaini (Alpi Pennine I, Guida dei Monti d’Italia) il colle è alto 2400 m. e la Tour 2417, secondo la “carta dei Sentieri” de l’”Escursionista” (Valpelline-Saint Barthelemy) il colle ha una quota di 2467 m. mentre la Tour non viene citata.
Il mio altimetro, tarato a Ruz, ha data una quota più vicina a quest’ultima confermando i 17 m. tra il colle e la Tour, che è quindi alta 2484 m (Nota redazione: la quota su CTR VdA 1/10.000 è 2487).
La comba di Faudery, che si raggiunge, è uno dei posti più belli e selvaggi della Valpelline, stretta com’è tra le impervie pareti del Morion a O e dell’Aroletta ad E, che in primavera scaricano continuamente slavine di pietre e neve.

descrizione itinerario:
Da Ruz, m.1695, si seguono le indicazioni (su interpoderale o scorciatoie) per il rifugio Crete Seche, sino a quando il sentiero devia decisamente a destra, attraversando un macereto.
Si continua allora per l’interpoderale sino a raggiungere un sentiero (bollo giallo con segnavia 1) che parte a sinistra (ad una quota di c. 1860 m.) per continuare nel bosco in lieve pendenza sino ad un valloncello (rudere sulla destra) dove le tracce si perdono.
Seguendo alcuni ometti si risale il valloncello sino ad un muretto a secco dove sulla sinistra, il sentiero riappare.
Volendo si potrebbe continuare a risalire il valloncello (sulla destra) per arrivare ai ghiaioni che precedono il colle.
Continuare per il comodo sentiero che risale più ripidamente un costone per poi riprendere ad andare a sinistra.
Abbandonarlo ad una piccola valletta per risalire verso la comba ed incontrare un sentiero che scende da essa sino ad una valletta verde attraversata da un torrente.
Il canalone del colle è molto più a destra, occorre cercare la via migliore per raggiungerlo attraversando, il più alto possibile, un macereto di grossi massi sotto l’aiguille dell’Aroletta.
Il canalone è alto 220 metri, non eccessivamente ripido e si risale al meglio sino al colle innevato sino a tarda stagione (il canalone roccioso che sale da Crete Seche è a lungo innevato).
Dal colle appare il rifugio Crete Seche, le montagne dell’alta Valpelline dominate dalla becca di Luseney.
Per raggiungere la tour, conviene traversare sul versante Faudery per portarsi sotto la cima più altra tra i vari sassi che compongono la crestina.
Si superano alcune roccette, si sale un masso di tre metri con larghi appigli per raggiungere la piccola cima, formata da una lastra inclinata.

Report fotografico : http://fotoalbum.virgilio.it/benni.lor/coletourdufreyty/