Nomaglio (Comune) Anello da Montestrutto

difficoltà: E :: [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Ovest
quota partenza (m): 272
quota vetta/quota massima (m): 665
dislivello salita totale (m): 450

copertura rete mobile
vodafone : 72% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 20% di copertura

contributors: max49
ultima revisione: 14/03/11

località partenza: Montestrutto (Settimo Vittone , TO )

cartografia: Valle Dora Baltea n.2 1/20000 ed: MUedizioni

note tecniche:
Viene proposto un doppio anello nella zona premontana sulla sx orografica della Dora Baltea nelle terre di confine tra il canavese e il fondovalle valdostano. In una zona ricca di mulattiere e sentieri che attraversano boschi e borghi situati il un ambiente caratterizzato da un particolare microclima segnato in particolare dalle antiche coltivazione dell’ulivo e del castagno e viti.
Due sono i possibili anelli qui riportati: il primo (denominato anche sentiero del castagno) si sviluppa su un percorso più breve (circa 6-7km) che percorre da Montestrutto il sentiero n. 881, sino a Nomaglio e alla frazione di Gen dove le tracce si perdono e riappaiono poco prima di Figliei come via Francigena.Questo itinerario sulla carta MU edizioni e sulla tabella alla partenza è riportato come 881, in realta a frazione GEN le tracce si perdono e riappaiono poco prima di Figliei come via Francigena.
Segnale cellulare ottimo su tutto il percorso

Il secondo più ampio, si sviluppa su circa 12km, condivide il primo tratto della bella mulattiera sino a Nomaglio e poi sale sino alla Fornace per ridiscendere dalla altrettanto bella mulattiera F1 sino a Settino Vittone e richiudersi su Montestrutto.

descrizione itinerario:
Itinerario primo anello:
Dalla piazza di Montestrutto imboccare il sentiero 881 che da asfalto diventa quasi subito una mulattiera fino a Nomaglio (località Mulino 536).
Da qui si prosegue sulla strada asfaltata fino a un primo bivio sulla destra che riporta a Montestrutto via S. Germano (puo' essere un'altra gita) e fino a sbucare poi sull' incrocio con Via Maestra dove trovate un lavatoio (574).
Si segue via Maestra sulla sinistra, si supera l' ecomuseo e l' incrocio con la circonvallazione e un centinaio di metri dopo si lascia la strada per Settimo e si prende una strada (inizialmente asfaltata sulla destra.
La si segue fino a una sbarra dove a sinistra parte il sentiero (segnato 881), si segue il sentiero fino a tornare sulla strada sterrata (ultimo segno 881 ) e qui a sinistra fino a una grossa baita a destra (quota 665) pochi metri dopo la quale riprende l' asfalto.
Di fronte alla baita parte un sentiero poco visibile che diventa piu' chiaro dopo un centinaio di metri e vi porta a frazione GEN. A frazione GEN un bivio a sinistra porta alla cava, 2 metri dopo averlo imboccato, proprio prima del cartello stradale , parte un altro sentiero molto poco visibile che arriva a Figliej, qui riprende la segnaletica (frecce arancioni e indicazioni bianche del pellegrino della francigena o F dipinte sulle pietre). Seguendo la Francigena si arriva a rinnestarsi sulla mulattiera che da Montestrutto sale a Nomaglio.

Itinerario secondo anello (propostomi dall' amico Franco@):
Nel comune di Montestrutto dal parcheggio dell’area sportiva “la Turna” 262m si prosegue per il borgo e poco prima della piazza vi svolta a dx (pannello informativo) e per una stretta via (con indicazione sentiero 881 si inizia a percorre la bella mulattiera, ben conservata e mantenuta. Di li a poco sulla dx si trova l’indicazione per l’area dell’uliveto di san Francesco (merita una piccola deviazione) successivamente si trova un bivio 326m dove da sx (s.n.852) avverrà il rientro dall’anello che stiamo percorrendo. Si sale ancora di poco e si giunge “La Posta” 415m interessante e panoramico punto.
A quota 480m raggiungiamo l’eco museo dove oltre alle interessanti varietà di castagni presenti si trova il “Mulino” ad acqua datato 1700 circa (interessatissimo dal punto di vista didattico visitabile previo contatto con comune di Nomaglio) (quota 555m) e nei pressi sono ancora ben conservate le vasche per la riserva di acqua. Siamo tra le case di Nomaglio e trascurando il sentiero F4 che a dx scende a San Germano (altro possibile percorso per formare un anello più breve) si arriva ad un lavatoio 575m dove vi sono le indicazioni (che trascuriamo) per svoltare a sx per Novachei e Montestrutto (s.881 itinerario del primo anello) si seguono le indicazioni di svolta a dx dove si trova “il Burnel” una interessante fontana in monoblocco. Si procede a fianco della fontana a salire con indicazioni “palestra di roccia Casley” e raggiunto l’angolo 595m del “masso inciso” pietra con incisioni si devia dal sentiero per prendere un piccolo sentierino (sulla dx) di poche decine di metri che sale deciso tra un muro di contenimento e delle case a raggiungere la strada che si percorre a dx per un centinaio di metri sino in prossimità di evidenti “bomboloni” 660m dove sulla sx inizia la bella mulattiera F1 che sale in direzione nord sino ad un tornate a dx e di li a poco si trova il bivio 785m tra il sentiero F2 (direzione Rossana, che si trascura) e F1 (direzione Terrafredda) dove si svolta a sx a salire sino a raggiungere l’interessante sito della “fornace” 899m (oltretutto punto molto panoramico pianura sottostante) prosegue ora per sentiero e si raggiunge il pianoro di Terrafredda dove superata un prima casa 1020m si trova un bivio (con palina che indica a sx il sentiero F1a che porta direttamente a Cuni ma è preferibile per non privarsi di panorami e altre punti interessanti proseguire in salita per il sentiero F1 sino a raggiungere un ampia radura con strutture ben recuperate e seguendo gli evidenti bollini r/b si raggiunge la strada soprastante (località Bioley 1050m) che si percorre a sx e si trova un caratteristico lavatoio originario in pietra con a fianco uno in muratura. Qui il panorama spazia anche sulle montagne del lato opposto della valle (la Cavallaria, il Gregorio e le montagne della conca di Scalaro).
Percorsi alcune centinaia di metri di strada (tendo la sx ad un piccolo incrocio) si trova, dopo altri cento metri, sulla sx l’inizio della mulattiera che scende decisamente ad un gruppetto di case dove di fronte ad una ormai devastata chiesetta con svolta a sx scende decisamente la mulattiera E1 che senza indugi (passando dalla borgata Bioley – attenzione ai cani .. ringhiano ma non mordono (!)) ci porta ad attraversare la strada una prima volta e poi alla frazione Casale si attraversa nuovamente; seguire sempre le indicazioni r/b sino a raggiunge la chiesa di Settimo Vittone posta su una piazzetta a lato di un tornate della strada che da Settimo sale a Trovinasse e/o Nomaglio. Qui con una piccola deviazione (cartelli indicatori) si può vedere il battistero di S. Lorenzo (ingresso a pagamento) e ritornati al tornate (ora sulla dx) si svolta di lato al cancello dove inizia il sentiero che con le indicazione della via Francigena (F bianca con omino bianco e cartelli in legno arancioni) passando ora tra le vigne e i “tupiun” si percorre un sentiero a volte stretto sino a raggiunge il bivio sulla mulattiera di salita. Svoltando a sx si ritorna a Montestrutto e al parcheggio. Vale la penna, se non lo si è fatto durante la salita, di deviare sul sentirino che porta all’uliveto di S. Francesco e scendere attraverso un breve tratto di sentiero attrezzato (siamo al centro delle falesie di arrampicata di Montestrutto) alla sottostante area e all’annesso ristoro nei pressi del parcheggio e punto si partenza dell’escursione. (totale 12km quota max1050m disl800m 4-5h con calma)

Si consiglia l’anello per chi voglia, da Marzo a Novembre, percorre un itinerario semplice non impegnativo (per un escursionista) privo di difficoltà su bellissime mulattiere di rara conservazione, affascinate e pieno di punti di interesse (le cui info sono reperibile su numerosi siti internet).


Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Nomaglio (Comune) Anello da Montestrutto - (0 km)
Mombarone (Colma di) da Montestrutto - (0 km)
Murialla (Belvedere) Anello Montestrutto-Gen-Murialla-Trovinasse-Settimo - (0 km)
San Giacomo, Trovinasse, Maletto, Carema, anello da Montestrutto - (0 km)
Munta e cala La falesia più bella - (0.2 km)
Cassie (Monte delle) da Settimo Vittone - (1.3 km)
Guarda (Monte) anello da Settimo Vittone per Cesnola, Chiaverina, Valcauda - (1.3 km)
Ordieri (Corma degli) da Settimo Vittone, anello per Trovinasse - (1.4 km)
Colme (le) e Monte Cavallaria da Tavagnasco - (1.5 km)
Pianello (Alpe) anello da Tavagnasco per Santa Maddalena - (1.5 km)
Castruzzone (Castello) da Settimo Vittone, anello per Guarda, Torre Daniele, Cesnola - (1.5 km)
Gregorio (Monte) Anello da Quassolo per il M. Cavallaria - (1.6 km)
Colme (le) e Monte Cavallaria da Quassolo - (1.7 km)
Scalaro (Frazione) da Tavagnasco, anello per La Sbianca - (1.7 km)
Ordieri (Corma degli) Anello da San Germano per Nomaglio e San Giacomo - (1.9 km)
Andrate (Comune) da San Germano, anello per Nomaglio - (1.9 km)
Biolley (Cima) o Drosit da Tavagnasco, anello per Punta di Pian dei Francesi e Punta del Pianello - (2.1 km)
Trovinasse (Frazione) da Cesnola, anello per Chiaverina - (2.2 km)
La Serra d'Ivrea da Andrate al Lago di Bertignano - (3.1 km)
Cavallaria (Monte) da Baio Dora - (3.5 km)
Bonze (Cima) da Quincinetto, anello per Cima Vallone, Punta Cavalcurt, Cima Battaglia - (3.5 km)
Vallone (Cima del) da Quincinetto, anello - (3.5 km)
Torretta (La) da Andrate - (3.6 km)
Torretta (la) da San Giacomo, anello per l'Alpe Valneira - (3.6 km)
Scalaro (Frazione) da Quincinetto - (3.6 km)