Cheilon (Mont Blanc de ), la Luette, Pigne d'Arolla, L'Evequ Tour d'Arolla occidentale (4 gg)

tipo itinerario: ghiacciaio
difficoltà: BSA   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Varie
quota partenza (m): 2006
quota vetta/quota massima (m): 3827
dislivello totale (m): 4400

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: sergio meroni
ultima revisione: 01/05/10

località partenza: Arolla (Evolène , Hérens )

punti appoggio: Arolla - Rifugi Dix e Vignettes

cartografia: Cartina Svizzera n. 283/S

note tecniche:
Un giro di 4 giorni
Tempi di spostamento e degli itinerari.
Como . Arolla ore 4
Arolla – Capanne de Dix con Schilift ore 3
Capanne de Dix - M.Blanc de Cheilon ore 3
Capanne de Dix – La Luette ore 2
Capanne de Dix – Pigne D’Arolla ore 3,30
La Vignettes – Cima Eveque ore 4

Note personali
Secondo il mio punto di vista è un giro splendido. Normalmente vi è la garanzia di trovare sempre una traccia ben marcata lungo tutti gli itinerari e le difficoltà di un certo rilievo si possono trovare in condizioni particolari, al Col Chevres - nel tratto finale alla cima della Luette e nel suo primo breve tratto di discesa – Sul seracco verso la Pigne d’Arolla e nel traverso e tratto di discesa diretto sulla Vignettes – di sicuro nel tratto finale all Eveque.

descrizione itinerario:
1° giorno
Arolla – Cabanne Dix
Da Arolla 2006, direzione Ovest, con lo skilift si guadagna quota facilmente, poi, messe le pelli, si raggiunge il Colle Chevres 2855 senza difficoltà di rilievo. Scendere lungo le due rampe di scale, e poi a piedi, si arriva alla base del ghiacciaio. Se c’è buona visibilità, si vede distintamente la capanna dal colle, altrimenti una volta sul ghiacciaio con direzione Sud/Ovest e ampio giro si arriva alla Capanne de Dix 2928.
2° giorno
Dalla Dix alla cima del M. Blanc de Cheilon e nuovamente alla Dix, per poi risalire alla Luette.
Entrambi gli itinerari hanno un percorso facile da intuire e seguire. Solo qualche difficoltà per la ripidezza del pendio lo si può trovare nella parte finale e nel primo tratto di discesa dalla cima della Luette.
Per il M. Blanc de Cheilon quota cima sciistica 3827, dalla Dix si punta in direzione Sud al Col de Cheilon, poi con ampio giro passando sotto La Ruinette si arriva sulla cima rocciosa, facilmente a piedi.
Discesa. Lungo lo stesso tracciato della salita.
Per la Luette 3368, il tracciato è completamente visibile dal rifugio, conseguentemente è una gita semplice e facile da intraprendere. E’ una escursione supplementare che normalmente la si concatena al tracciato del M. Blanc.
Discesa. Sono Possibili alcune variazioni al tracciato di salita.
3°giorno
Dalla Dix alla Vignettes – lungo lo splendido tracciato che passa dalla cima della Pigne d’Arolla.
Dalla Dix, si vede distintamente la prima parte di salita e anche in questo caso, più che spiegazioni basta osservare attentamente la conformazione del ghiacciaio che si ha di fronte. Giunti alla sua sommità a quota 3423, con ampio giro si arriva alla base del seracco 3592, dove alle volte l’affioramento di placche ghiacciate rendono difficoltoso questo breve ma insidioso passaggio, poi arrivare sulla cima della Pigne d’Arolla è quanto di più facile si possa trovare su un percorso scialpinistico. Attenzione! per la discesa. Dalla cima poche serpentine e subito si piega a sinistra in direzione Est, imboccando un ampio vallone che conduce direttamente sul sottostante ghiacciaio del Colon. Secondo il mio consiglio è preferibile questa soluzione al l’insidioso traverso sotto i seracchi. Una volta giunti sul fondo del ghiacciaio, si rimettono le pelli agli scii, e con una brevissima e facile risalita si arriva alla Vignettes 3160.

4° giorno
Vignettes – cima dell’Eveque - Col Colon – Arolla
Ancora una volta, se le condizioni sono ottimali direttamente dalla Cabanne de Vignettes, tutto il tracciato per l’Eveque 3716 e il Col Colon è completamente visibile, conseguentemente sono quasi superflue indicazioni supplementari. Di sicuro mi preme segnalare, che fino al Colle sotto la cima dell’Eveque non ci sono difficoltà di rilievo, poi però il pendio si accentua vistosamente e proseguire verso la cima tutto diventa più problematico, compreso il breve ma non banale tratto roccioso che porta in cima. Discesa. Lungo lo stesso tracciato di salita, poi rimesse le pelli arrivare al colle Colon è quanto di più facile si possa trovare.
Dal colle, per evidente tracciato si scende l’ampio ghiacciaio, in parte restando al centro nella parte alta, per poi spostarsi sulla destra nelle parte sottostante e una volta sul ripiano sottostante puntare in direzione Ovest, verso la seraccata sottostante la Cabanna Vignettes e restando sempre sul versante destro arrivare sul fondovalle e quindi rientrare ad Arolla, dopo una interminabile e lunghissima discesa.