Autour (Cima) da Cornetti

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Nord-Est
quota partenza (m): 1446
quota vetta/quota massima (m): 3021
dislivello totale (m): 1575

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura
tim : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: renato63
ultima revisione: 09/04/10

località partenza: Cornetti (Balme , TO )

cartografia: IGM f.55 tav.Ala di Stura e Uja di Ciamarella

bibliografia: Valli di Lanzo e Moncenisio G.Berruto

note tecniche:
Classica meta scialpinistica sulla cresta spartiacque tra la Valle d'Ala e la Val di Viù permette di avere una visuale completa sul gruppo Ciamarella-Bessanese e su tutte le montagne delle valli di Lanzo con panorami che si estendono dal Gran paradiso al Monviso.
Percorso di grande sviluppo e che necessita di buon innevamento nella parte bassa a causa della natura del terreno.

descrizione itinerario:
Dalla frazione Cornetti (buon parcheggio), si segue la strada fino alla frazione i Frè, dove si attraversa il ponte (o se c'è neve si prosegue sul sentiero sulla destra); raggiunta l'alpe Pian Salè si attraversa il torrente Paschiet e si su una poco marcata dorsale boscosa rimonta la sponda sinistra idrografica del torrente, lasciandosi invece a destra dei contrafforti rocciosi con cascate di ghiaccio.
Raggiunto un ripiano posto sotto il versante nord della punta della Sarda, si abbandona il vallone Paschiet e si volge a dx (SO) tagliando i ripidi pendii sottostante la punta della Sarda per giungere nei pressi dell'alpe Belvedere(diroccata) 2167m. Questo traverso richiede molta attenzione a causa dei grossi massi misti a rododendri spesso nascosti dalla neve.
Procedendo ancora in direzione SO con un lungo diagonale dalle pendenze dolci, superati alcuni dossi si raggiunge il vallone-canale culminante con il passo Casset, compreso tra il crestone NE della Punta Lucellina e la bastionata NNO della cima Autour (punto d'incontro dell'itinerario proveniente dal pian della Mussa). Risalito con un breve strappo leggermente più ripido il canalino, si prosegue a a sinistra accedendo con un breve traverso al pendio sospeso che scende direttamente dalla punta, che si raggiunge senza difficoltà con gli ultimissimi metri che si impennano.