Colt (Monte) Il lato attivo dell'infinito

difficoltà: 6c / 6c obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
quota base arrampicata (m): 300
sviluppo arrampicata (m): 140
dislivello avvicinamento (m): 50

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Alberto Damioli
ultima revisione: 16/03/10

località partenza: Strada per Laghel (Arco , TN )

punti appoggio: Arco

note tecniche:
Un modo per ricordare Sergio "Penna" scomparso nell'inverno 2010 sotto una coltre bianca di neve che lo ha travolto in Presolana.
5 lunghezze, sviluppo 140 metri, obbligatorio 6b/c e A1, in libera…..?, corda da 60/70 m., 15 rinvii.
Chiodatura
a fix 10 mm (chiodatura ravvicinata), tutte le soste hanno la catena e la maglia rapida, solo quella d’uscita è su una pianta di leccio a destra.

descrizione itinerario:
Avvicinamento
da Arco di Trento prendere la strada per Laghel e la Mandrea, parcheggiare dopo la casa scout e imboccare il sentiero contrassegnato Ceniga-Monte Colt. La parete dove si svolgono gli itinerari descritti è l’evidente pilastro verticale con tetti gialli (Re Mida)a metà percorso tra le vie: Perla Nera e Il Grande Fratello. La nuova via attacca 5 metri a destra di Re Mida (targa in ottone), scritta alla base con il nome.
Il Lato Attivo dell’Infinito:

Descrizione
Itinerario “duro, anzi durissimo e puro”, che affronta “quasi a goccia d’acqua” e con alte difficoltà in libera e in artificiale (sempre su espansione a fix) il pilastro a destra delle vie da Portaledge a Portaledge e Re Mida. Iniziata il 6 Marzo dal basso e finita il 13 Marzo 2010 sempre ripartendo dal basso con il fido “compare”, Massimo COMPA Comparini. Forse un’azzardo per la libera, almeno per il sottoscritto (magari se mi alleno bene potrei pensarci in una prossima vita), perche’ in vari tiri potrebbe cascarci il grado 8…., il 7C c’è sicuramente. Questa dedica, speravo con tutto il cuore che quella precedente fosse definitivamente l’ultima, a mio avviso è riuscita molto bene sul monolito di pietra più verticale e slanciato del monte Colt di Arco. La partenza è dolce perchè sfrutta una grande lama per 10 metri (l’unico tratto di 6a), poi di lunghezza in lunghezza è un crescendo di difficoltà su roccia sempre ottima a concrezioni di colata bianche e ocra. Gli ultimi due tiri sono in placca a tacchette e goccie, a volte oltre la verticale fino all’uscita e al leccio di sosta nel bosco sommitale.

Discesa
lungo il sentiero di rientro Colodri-Colt-Ceniga o in doppia lungo l’itinerario di salita.
Sergio…., ti sarebbe certamente piaciuta!
Alberto Damioli