Lago (Cima di) Traversata Val Torta, Val Piana, da Ossasco

L'itinerario

difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1313
quota vetta/quota massima (m): 2833
dislivello totale (m): 1600

copertura rete mobile
vodafone : 80% di copertura

contributors: casale
ultima revisione: 28/02/10

località partenza: Ossasco (Bedretto , Leventina )

punti appoggio: rif cristallina

cartografia: Swisstopo 265 Nufenenpass

note tecniche:
Grosse difficoltà tecniche non ve ne sono.

descrizione itinerario:
Dal parcheggio attraversare il fiume e seguendo più o meno fedelmente il sentiero estivo superare la ripida fascia boscosa fino a che non si esce in campo aperto:rimanendo sempre sulla sinistra orografica (destra di salita) risalire l'ampia valle, poco inclinata e ogni tanto intervallata da brevi strappettini. Passati nei pressi del sito dove sorgeva il vecchio rifugio (distrutto da una valanga nel 2001) puntare all'evidente passo Cristallina (2568m),ora ancora più evidente visto che sorge la poco estetica struttura cubica del nuovo Rif.Cristallina.Virare a destra -direzione WSW - e guadagnare l'evidente e stretto colletto (segnalato anche da una pertica) che consente l'accesso con una breve discesa al pianoro di contenimento del piccolo ghiacciaio di Valleggia. Dal colletto scendere alcune decine di metri e -solo con condizioni di neve sicura-portarsi a sinistra sotto la cresta della cima, raggiungerla, portarsi sull'altro versante e arrivare in vetta.

Discesa: dalla cima riportarsi sul piccolo ghiacciaio, rimettere le pelli e con breve salita raggiungere il successivo colletto che si trova esattamente all'altra estremità del ghiacciaio. Raggiuntolo e tolte le pelli si comincia a scendere.Dopo aver perso ca. 250m virare a destra nei pressi di una strozzatura e entrare in Val Piana (tenendo la sinistra si entra nella Val Cavagnolo) scendendo cercando di scegliere la traccia più opportuna in funzione dello stato della neve (i pendii sono comunque ripidi a tratti e richiedono neve assestata). Nei pressi di un piccolo pianetto contrassegnato da una vecchia baita (a ca 1800m)cominciare a perdere quota con direzione diagonale e verso destra-ENE-, entrare nel bosco fino a che non si incontra una strada che porta sul fondovalle (con molta neve si può scendere direttamente per il bosco). Prendere la pista da sci di fondo (quando innevata) e percorrerla in discesa sino ad un ponte:passare sull'altro versante (sinistro orografico),riprendere la pista da sci fino a che non arriva nei pressi del ponte stradale:abbandonare la pista, risalire il terrapieno,raggiungere la strada e a piedi in ca. 10/15 minuti si arriva al parcheggio