Redondo (Pico) Anello P. Redondo-Hacha Grande, da Femés

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 380
quota vetta/quota massima (m): 562
dislivello salita totale (m): 350

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: pulici
ultima revisione: 12/01/10

località partenza: Femés (Yaiza , Provincia di Las Palmas )

punti appoggio: Femés

note tecniche:
Panoramica escursione su due delle più elevate sommità di Lanzarote. In particolare notevole vista su Playa Blanca, i Papagayos e la parte N di Fuerteventura. Quote poco elevate ma panorami di prim'ordine ed eleganza di forme. L'Hacha grande è anche denominato Ajache grande.

descrizione itinerario:
Partendo dalla piazza di Femés (380 m) si segue brevemente una pista verso E (sx guardando la costa di Playa Blanca) fino ad una cresta dove c'è un pannello del parco "monumento natural Los Ajaches" (elenco percorsi ma cartina incomprensibile). Bel panorama del Barranco de la Higuera fino al mare (Playa de El Pozo, e costa N fino a Puerto del Carmen). Si prende sulla dx il sentiero contrassegnato da un cerchio arancione, che in diagonale ascende fino ad una larga sella denominata Degollada de Carlos (445m), con bella veduta della zona di Playa Blanca e Fuerteventura alle sue spalle.
Dopo circa mezz'ora di divertente traverso sotto il lato S del Pico Redondo si prende un bivio (sempre seguendo il cerchio arancione) pervenendo in breve ad un largo pianoro, dove basta voltare a sx per risalire la cresta E del Redondo stesso (pietre sovente aguzze e mobili, sgradevole, EE), quotato 562m, ometti in vetta, molto lunga e sinuosa la cresta che discende verso N. Ritornati sul pianoro e poi al menzionato bivio, prendere stavolta il ramo di dx (cerchio rosso) pervenendo subito dopo ad uno stazzo per capre, per poi risalire per tracce il largo ma ripido pendio Ovest che conduce ad una prima spalla dell'elegantissima Hacha Grande, poi per elementare panoramica cresta in breve alla vetta (cilindro di cemento, cima quotata anch'essa 562m, 560m sul pannello del parco, comunque pare più alta del Redondo, 2h dalla partenza). Ottima vista a 360°, soprattutto sui coni vulcanici del Timanfaya.
Dalla cima scendere per la lunga e regolare cresta E fino ad un largo cocuzzolo tondeggiante, dove si svolta a sx 90° per raggiungere (disagevolmente) uno stazzo in fondo ad un valloncello. Risalire per l'altra sponda per reperire e raggiungere una evidente carrareccia in pessimo stato (ben visibile dalla cima) che con un paio di tornanti ascendenti approda ad un altro valloncello, da risalire avvicinandosi alla cresta N del Redondo fino a incrociare un marcato sentiero trasversale che preso verso dx porta ad un larghissimo poggio (costruzione in muratura): proseguendo a circumnavigare il Redondo ricongiungersi con il marcato sentiero (arancione) che risale il Barranco della Higuera riportando (con stretti e ripidi tornanti verso la fine, occhio alla caduta di pietre )alla cresta di partenza con il pannello del parco e la vista su Femés.