Molaras (Monte) da Foresto

sentiero tipo,n°,segnavia: Sentiero 560
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 480
quota vetta/quota massima (m): 1327
dislivello salita totale (m): 840

copertura rete mobile
wind : 100% di copertura
vodafone : 100% di copertura
tim : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 80% di copertura

contributors: piero56 adriespo
ultima revisione: 18/02/10

località partenza: Foresto (Bussoleno , TO )

cartografia: IGC n. 2 Valli di Lanzo e Moncenisio

accesso:
Dall'autostrada A32 uscire a Chianocco, portarsi sulla SS 25 e percorrerla fino a poco dopo Bussoleno, ponendo attenzione, sulla destra, alla traversa Via Rocciamelone, da imboccare e che porta direttamente a Foresto. In alternativa percorrere una delle due statali 24 e 25 fino a Bussoleno e seguire le indicazioni qui sopra.

A Foresto parcheggiare davanti alla Chiesa o davanti alla Scuola Elementare.

note tecniche:
Bella escursione da consigliare nelle mezze stagioni. Offre una bella vista sul Rocciamelone e sulla Valle di Susa. È una degli antichi sentieri per raggiungere il Rifugio La Riposa e di lì il Rocciamelone. Il sentiero è sempre ben evidente e segnalato "560 Colle Croce di ferro" o comunque con bolli bianchi e rossi. È anche segnalato come “il sentiero dei Monaci”. Possibile anello al ritorno passando e guadano il Rio Rocciamelone, il sito archeologico Voute e aggirando il Truc San Martino (vedere sul sito del Parco Orsiera: http://www.parco-orsiera.it/riserve/Iti_Riserve_Voute.html)

descrizione itinerario:
Dalla piazza della chiesa di Foresto (480 m.) si attraversa il ponticello sul Rio Rocciamelone e si gira immediatamente nella via sulla destra (cartello Sentieri escursionistici) che costeggia il rio in direzione dell’Orrido (zona Gran Borgata). Al fondo della via e superato il bar pizzeria "Zia Rosa", si prende a sinistra il sentiero, detto ‘d-la Reina (della Regina, indicazioni sentiero 560 e cartello M. Molaras), che comincia subito a salire con sei tornanti scavati nella bastionata calcarea, tratto erto e panoramico. Questo pezzo del sentiero è in comune col Sentiero dei ginepri. Raggiunto un pilone votivo (15’) si prosegue per un tratto in falsopiano, si supera una casa in pietra parzialmente diroccata (la “Ca ‘d-la Reina”), si trascura una traccia a sinistra che scende verso Case La Cota, e si giunge alla bacheca n° 2 “La Vegetazione Xerica” (m.610). Poco oltre, all’altezza dei cartelli indicatori in legno, il Sentiero dei ginepri scende a sinistra in direzione di L'Plan Ambruna mentre l'itinerario prosegue a destra (sul cartello "Le cote - M. Molaras" (vedere materiale del parco sul Sentiero dei Ginepri qui http://www.parco-orsiera.it/riserve/Iti_Riserve_Auto2.html e qui http://www.parchialpicozie.it/contents/attached/c15/DepliantForesto.pdf) .
Si continua a salire e, all'altezza di un alpeggio sulla destra (che ha il folkloristico nome Moule Dou Rourou), il sentiero gira a sinistra. Poco dopo si incontra un masso con il segnavia 560 a sinistra e il segnavia per scendere sul Rio Rocciamelone: questo bivio è interessante perché il sentieri che scende porta in una zona archeologica nota come
Voute, inoltre è utilizzabile al ritorno per un parziale anello passando per il Truc San Martino.
Si continua a salire su un mulattiera e si incontrano in successione deviazioni per "Ambruna - San Giuliano" a sinistra (cartello), "L'Armita - Ca Teissard" a destra (cartello), "Case Bastia" a destra (segnavia su masso) da tralasciare. In questa zona si nota un traliccio dell'elettrodotto che viene da est e che sale, con un traliccio intermedio, verso il Molaras, dove c'è un altro traliccio. Si prosegue camminando un po’ sul versante di Foresto, un po’ sul vallone del Rocciamelone, percorrendo alcuni punti molto panoramici, inerpicandosi lentamente sulle pendici che portano al Molaras. Quando l'itinerario 560 si immette sulla strada sterrata che sale da Monpantero e che porta a Chiamberlando, Sollietto e Fago, sulla sinistra si presenta la meta, solo pochi metri più in alto (segnavia Monte Molaras su masso). Da qui con pochi passi si arriva in cima, occupata da un grande traliccio, ma estremamente panoramica sulla Valle di Susa.

Nota: Il sentiero 560 prosegue sulla strada sterrata, verso destra, in direzione Sollietto: su tale strada a 20 metri dal Molaras c'è un fonte di acqua "non controllata", utile per fare rifornimento, se si accetta il rischio di bere, appunto, acqua "non controllata".

altre annotazioni:
All'inizio dell'itinerario si vede, in basso a destra, la Palestra di roccia dell'Orrido di Foresto e l'imbocco della strada ferrata.

L'esposizione meridionale caratterizza la flora del primo tratto dell'itinerario.

La deviazione dal masso poco dopo Moule Dou Rourou porta al Rio Rocciamelone e, dopo un guado, al sito archeologico Voute e al Truc San Martino e poi a Foresto.