Cusna (Monte) da Casalino per i Prati di Sara ed il versante Nord-Ovest

tipo itinerario: bosco fitto
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Nord-Ovest
quota partenza (m): 940
quota vetta/quota massima (m): 2121
dislivello totale (m): 1181

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura

contributors: ste_6962
ultima revisione: 18/11/09

località partenza: Casalino (Ligonchio , RE )

cartografia: CAI Reggio Emilia - (Alto Appennino Reggiano) in scala 1:50000

bibliografia: Appennino Invernale (128 itinerari di escursionismo e alpinismo tra Emilia e Toscana). L'escursionista Editore

note tecniche:
Una bella montagna, tra le più note e frequentate dell'Appennino Tosco-emiliano. Presenta diversi itinerari molto interessanti nel periodo invernale, adatti sia per salite con le ciaspole che con piccozza e ramponi. Molto interessante e piacevole anche il contesto ambientale dove ci muove. Nelle giornate con tempo favorevole la vetta del Cusna è anche un punto panoramico veramente notevole. L'itinerario proposto sale da Casalino (raggiungibile da Ligonchio) e si presta bene ad essere salito con le ciaspole, lungo la cresta potrebbero essere utili piccozza e ramponi, dato che spesso la neve può essere ghiacciata e talvolta...dura come il marmo. Non presenta difficoltà tecniche, però è bene salire con la consapevolezza che non si tratta proprio di una semplice passeggiata. La parte finale lungo la cresta, in caso di neve ghiacciata è valutabile EE/F. Se vi trovate di passaggio in zona...fateci un pensierino, il Cusna è una montagna che merita di essere presa in considerazione !

descrizione itinerario:
Da Casalino, si segue il sentiero (con segnavia 609-625) che entra nel bosco. Si risale lungo il bosco (il sentiero è sempre evidente, ci sono segnavia sugli alberi) dove spesso sono presenti delle tracce, fino a raggiungere un bivio. Si trascura la diramazione di sinistra (sentiero 609) e si continua lungo il sentiero di destra (con segnavia 625) sempre seguendo la segnaletica ben visibile sugli alberi. Si sale a lungo nel bosco, costeggiando in alto un torrente, dove la vegetazione è meno fitta, per volgere decisamente verso sinistra fino a raggiungere i dolci pendii dove si trovano i Prati di Sara a m. 1600 sulle pendici del Monte Bagioletto. Da qui possiamo ammirare una bella vista sulla parete Ovest del Monte Cusna e sul Gruppo del Monte Sillano. Si traversa sempre verso sinistra sulla larga dorsale, puntando alla ben visibile cresta Nord del Cusna. Raggiunto l'avvallamento alla base della cresta, si inizia a risalire, tenendosi lungo il filo, superando alcuni tratti ripidi (possibilità di trovare neve ghiacciata) fino a raggiungere la vetta del Cusna, sormontata da una grande croce metallica. (ore 4,00 / 5,00 secondo le condizioni dell'innevamento). Se la giornata è favorevole dalla cima è possibile ammirare un panorama vastissimo. In discesa si segue a ritroso lo stesso itinerario.