Bertrand (Monte) da Upega, per la Colla Rossa e cresta SE

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Sud-Est
quota partenza (m): 1297
quota vetta/quota massima (m): 2484
dislivello totale (m): 1187

copertura rete mobile
vodafone : 20% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: ste_6962
ultima revisione: 16/11/09

località partenza: Upega (Briga Alta , CN )

cartografia: IGC foglio 114 - Limone Piemonte - Valle delle Meraviglie - scala 1:25000

note tecniche:
Il Monte Bertrand è una bella montagna dalla forma piramidale, situata sulla cresta di confine tra Italia e Francia, tra la Valle Tanaro e la Valle Roya. E' una montagna molto conosciuta e frequentata nelle Alpi Liguri, viene salita molto di frequente da escursionisti, e nel periodo invernale non mancano mai gli scialpinisti e i ciaspolatori. Si presta bene anche ad essere salita con le racchette, il contesto ambientale dove si svolge la salita è davvero incantevole. Tra i motivi di interesse per compiere questa bella escursione ci sono l'attraversamento dello splendido "Bosco delle Navette", una estesissima distesa di larici (sembra che il legname di questo bosco in passato fosse utilizzato per costruire le navi della Repubblica di Genova), e lo spettacolare panorama che nelle giornate di bel tempo è possibile ammirare dalla cima. Occorre fare attenzione in presenza di molta neve nel tratto finale del percorso, dalla Colla Rossa alla vetta. In questo tratto possono essere utili piccozza e ramponi.

descrizione itinerario:
Da Upega si segue inizialmente la strada innevata sulla sinistra, fino all'altezza della chiesetta della Madonna della Neve m. 1336. Dalla chiesetta si abbandona la strada e si sale verso destra entrando nel bosco e seguendo un costone, noto come Costa del Gaglio. Superato questo costone si entra in un valloncello e poi si volge a sinistra, salendo con una serie di diagonali nel bosco, fino a raggiungere una piccola conca (dove il bosco è meno fitto), qui si trova la piccola Baita dei Cacciatori m. 1841. Dalla baita si prosegue salendo in diagonale verso sinistra, fino ad incontrare la stradina innevata che collega Monesi al Colle di Tenda. Superata la stradina, il bosco inizia a diradarsi e si intravede in alto il valico della Colla Rossa. Saliamo sulla sinistra, con percorso intuibile, verso l'insellatura della Colla Rossa m. 2179. Dal valico non rimane che seguire la cresta SE (sulla nostra destra), tenendosi sul filo, o leggermente a sinistra sul versante francese per aggirare alcuni salti rocciosi. Ritornati sul filo di cresta, superato qualche tratto con roccette affioranti si raggiunge il grande cupolone della vetta, sormontata da una grande croce metallica. (ore 3,30 / 4,00 da Upega, a seconda delle condizioni dell'innevamento). In salita, a volte è presente una traccia che sale poco oltre la Madonna della Neve, seguendo la stradina a sinistra fino al primo tornante dopo la chiesetta e seguendo poi l'ampio costone (verso destra) che porta al Pian Fermigola, continua su un costolone nel bosco fino ad intercettare la stradina militare innevata poco più avanti rispetto all'itinerario descritto. I tempi di salita sono identici per entrambi gli itinerari...a voi la scelta. In discesa si seguono a ritroso le proprie tracce fatte in salita e si rientra a Upega.