Candele (Cima di) da Fondo

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Est
quota partenza (m): 1074
quota vetta/quota massima (m): 2555
dislivello salita totale (m): 1481

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura

contributors: Blin1950
ultima revisione: 19/10/09

località partenza: Fondo (Traversella , TO )

cartografia: MU Edizioni - Carta della Valchiusella

bibliografia: Valchiusella a piedi - Matteo Antonicelli

accesso:
Da Ivrea sulla SS 565, direzione Castellamonte, prendere uscita a destra per Strambinello, quindi su SP 64 per la Valchiusella, risalire sulla strada principale della valle fino alla borgata Fondo ( 29 km da Ivrea). Poco oltre il ponte romanico, davanti al piccolo cimitero, vi è un parcheggio sterrato per l’auto.

note tecniche:
Volendo compiere un anello è preferibile salire per l'itinerario B e scendere per l'itinerario A (via classica)

descrizione itinerario:
Itinerario A: da Fondo per il Colle della Buffa

Lasciata l'auto su piazzale sterrato, tornare ed attraversare il ponte ad arco e seguire la bella mulattiera percorso GTA per il Colle delle Oche. Arrivati poco oltre l'Alpe Pasquere, ci si immette su strada sterrata che va seguita fino al termine presso le Alpi Balme 1710 m. In breve si giunge all'Alpe Spartore e sempre seguendo il sentiero nn.8 si inizia a salire la "Scala Santa"; al termine si presenta un bivio svoltare a destra e raggiungere l'Alpe Buffa 2060 m. Salire nel vallone con il sentiero n.8 fino a quota 2140 m circa in corrispondenza di una conca prativa; abbandonare il sentiero e piegando a destra salire un lungo pendio erboso che porta al Colle della Buffa 2478 m. Dal colle percorrere la cresta che porta facilmente in vetta.

Itinerario B: da Fondo per il Buchet Sciapà e la cresta ENE

Da Fondo seguire il tracciato GTA per il Colle delle Oche fino al bivio sulla sterrata poco oltre l'Alpe La Nuova. Proseguire sulla sterrata fin quasi all'Alpe Balma e poco prima, subito dopo l'attraversamento di un piccolo rio, piegare a destra; tracce di sentiero vicino ad un "crutin" sotto un masso. Il sentiero taglia in salita verso destra il pendio erboso di quota 2052 m, ultima propaggine della Costa Candele.
Arrivati vicino ad un grosso masso a destra del sentiero, proseguire ancora per circa 50 m ed il sentiero si biforca seguire quello in salita che a breve cambia verso e sale in direzione di quota 2052 m giungendo alle baite crollate dell'Alpe Mont.
Ora il sentiero è più marcato e di fronte sono ben visibili le baite della Blucchina e a destra le baite Andric. Poco oltre queste ultime baite, si stacca verso sinistra una traccia di sentiero che raggiunge il bordo del Piano di Candele, si scende a contornare il piano verso sinistra fino ad incontrare il ruscelletto che si risale sempre a sinistra e si giunge al pianoro posto ai piedi dell’intaglio denominato Buchet Sciapà.
Si segue una misera traccia che risale verso destra, districandosi fra i rododendri, dei piccoli canali umidi e piccole balze aggirando piccole placconate rocciose e giunti all’altezza del Buchet Sciapà, per raggiungerlo, si svolta decisamente a sinistra e con un traverso pianeggiante lo si raggiunge.
Si contorna alla base verso destra la placconata sovrastante e si risale un primo pendio erboso; segue un secondo e più comodo pendio erboso e verso la sua sommità, ci si sposta verso il bordo sinistro continuando a risalire fino a giungere in vista del cucuzzolo erboso terminale che si raggiunge in breve.

altre annotazioni:
La Cima di Candele è una elevazione della cresta spartiacque Soana-Chiusella e dalla sua vetta dirama verso est-nord-est un notevole crestone che verso il fondo è bruscamente interrotto da un profondo intaglio denominato Buchet Sciapà; inoltre la cresta in questione presenta una cresta affilata con alti pareti sul versante sud-est, mentre il versante nord-ovest scende meno ripido con un misto di pendii erbosi e piccole placconate rocciose.
Nota: la Carta Mu Valchiusella, quota il Buchet Sciapà 2175 m. Sul gps rilevato 2222 m.