Sassopiatto Oskar Schuster

difficoltà: AD
esposizione prevalente: Nord-Est

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura

contributors: marco_colangelo
ultima revisione: 03/11/09

località partenza: Alpe di Siusi (Castelrotto , BZ )

punti appoggio: rifugio vicenza

note tecniche:
il presente itinerario vuole solo rendere esplicita la possibilita' di raggiungere la ferrata Schuster dall'alpe di siusi e di creare un diverso anello da quello solitamente frequentato

descrizione itinerario:
In cabinovia da siusi allo sciliar sino in località Compatsch, e con l’autobus sino alla località Saltria, dove prendere la seggiovia “Florian” che porta al Rifugio Williams/Williamshütte (2.100m). In direzione del rifugio Sassopiatto dopo pochi minuti lasciare il sentiero principale e, a sinistra, superare un cancelletto proseguendo verso il rifugio della marmotta (segnalato). Dopo il piccolo rifugio, poco piu' di un'ora di sali scendi sotto le pendici del sassopiatto per poi entrare nella magnifica conca, appena sotto il rifugio Vicenza (2252m). Dal rifugio si sale a destra attraverso il Vallone del Sasso Piatto fino al ripido conoide finale dove è situato l’attacco della ferrata (2.560m). Bolli rossi ed alcuni metri di cavo delimitano l'inizio della ferrata. Si segue poi il segnavia sotto le Torri del Sassopiatto, percorrendo canali, gradini rocciosi, cengie e fasce detritiche, fino alla Forcella delle Torri (2.750m) praticamente in assenza di cavo, su passaggi di I e II, . Uno stretto e strapiombante canalone regala un’impressionante visione della Val Gardena. Da qui in avanti qualche passaggio un po' piu' verticale con cavo metallico presente in tutti i punti piu' ostici, il finale degrada fino alla vetta del Sasso Piatto, 2964 m.

Discesa:
Lungo il sentiero-pietraia si scende l'inclinata piattaforma a sud-ovest e si arriva al Rif. Sasso Piatto presso il Giogo di Fassa, 2297 m. Da qui a destra tornando alla seggiovia florian. Verificare l'orario di apertura dell'impianto.