Brancastello (Monte) da Nord per il Vallone S. Pietro

L'itinerario

tipo itinerario: in canalone
difficoltà: OS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1100
quota vetta/quota massima (m): 2385
dislivello totale (m): 1285

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: Annibale
ultima revisione: 25/02/10

località partenza: Macchia S. Pietro (L'Aquila , AQ )

cartografia: Carta 1:25000 Gran Sasso

bibliografia: Mazzoleni;Filocamo

note tecniche:
Dall'A24 uscire a S.Gabriele-Colledara,proseguire per Isola del Gran Sasso e prendere la strada per Pretara.Dirigersi verso S. Pietro e proseguire dopo il paese per una strada,asfaltata fino a q. 1100.La strada poi prosegue come pista forestale nel bosco di Macchia S.Pietro fino ad un rifugetto di pastori a q. 1450 circa..

Nel Vallone di S.Pietro occorre neve sicurissima!
Il Vallone è estremamente valangoso in inverno!!

descrizione itinerario:
Salita lungo la forestale che risale con vari tornanti il bosco di Macchia S. Pietro fino ad un Rifugetto di pastori con annessa stalla (q.1450 circa).
Dietro il Rifugio una pista taglia il bosco verso il visibile Pizzo S.Gabriele,attraversa una ripida radura ed, oltre una breve fascia di faggi, prosegue a mezza costa entrando nel vallone a q. 1500 circa. Per raggiungere la parte superiore del vallone occorre tenersi sulla sx orografica sotto le pendici del Pizzo S. Gabriele,sovrastati sulla dx orografica dal ripidissimo versante nord del Brancastello.Un erto cambio di pendenza in ultimo, si supera con un canalino obliquo ed in contropendenza,poi si prosegue facilmente fino alla sella di q.2230, dove arriva dal versante opposto il canale del Lepre.
Pervenuti alla sella,si segue la cresta in direzione Est,superando un primo ripido dosso e continuando poi quasi in piano fino alla vetta (Q.2385).

Discesa:
per il caotico versante Nord, lungo il canalino di vetta, molto ripido nei primi duecento metri (c.d. Goccia). Il canale consente di superare le fasce rocciose con alcune ripide strettoie e con brevi spostamenti orizzontali da decidere in funzione dell'innevamento.
Dopo una strettoia solitamente solcata da una rigola, che costituisce il tratto chiave, ci si immette nella parte inferiore della parete.
Destreggiandosi per pendii,canalini,saltini ecc. si raggiunge un ampio balcone,dal quale non è possibile scendere ulteriormente verso Nord per la presenza della falesia di roccia basale sottostante. Si risolve il problema piegando a sx e scendendo per ulteriori canalini fino a rientrare nel vallone di S. Pietro.
Si percorre il Vallone fino a dove comincia a stringersi, circa a quota 1500.
Prima della strozzatura si taglia a dx orografica su una traccia di sentiero evidente anche con terreno ben innevato ,che taglia il pendio sotto alla cima delle Fienare, passando al limite del bosco.
Si traversa in quota e si scende al Rifugetto di pastori dal quale una stradina forestale scende a comodi tornanti fino all'auto (q. 1100 circa).
In alternativa a questo canalino di vetta, se non in condizioni, si può percorrere un canale parallelo. Dalla vetta meridionale del Brancastello (quella con segnale metallico) ci si abbassa verso ovest proseguendo sul filo di cresta quasi in piano;dopo 20/30 metri piegare decisamente a destra immettendosi in un canale che in alto forma una S; continuando a scendere e tenendosi sempre verso destra fino ad incrociare il canalino che scende direttamente dalla vetta nord del Brancastello. Le difficolta' sono analoghe al primo canale.

2)A fine stagione,è possibile partire dal Lago di Pietranzoni nella Piana di Campo Imperatore a q. 1600 circa.Salire nel canale del Lepre e raggiungere la vetta.Scendere nel vallone S. Pietro e seguirlo fin dove sia presente neve.
Si risale poi nel Vallone fino alla sella del Pizzo S.Gabriele.Si traversa a sx per ritornare alla selletta situata sopra il canale del Lepre.
Si ridiscende per il medesimo.