Valico Altare - Tartaro Anello Vallunga, Biscurri da Pianoro Campitelli

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 1458
quota vetta/quota massima (m): 2120
dislivello salita totale (m): 1250

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: grik
ultima revisione: 02/12/09

località partenza: Pianoro Campitelli (Alfedena , AQ )

bibliografia: Carta PNA

note tecniche:
Alla data odierna, agosto 2009, lo stato della tracciatura del sentiero di salita è alquanto precaria e richiede una certa esperienza. La presenza di numerose diramazioni e di tracce di vernice rendono necessaria una buona capacità di orientamento. Inoltre, la nuova carta dei sentieri (2009) riporta per il K3 un tracciato diverso da quello attuale che, invece, termina molto sotto la sella, confluendo nel vecchio K7 (ora cancellato)

Inoltre, la nuova carta dei sentieri (2009) riporta per il K3 un tracciato diverso da quello attuale che, invece, termina molto sotto la sella, confluendo nel vecchio K7 (ora cancellato)

descrizione itinerario:
Si segue il sentiero L2, che scende verso il Rio Torto perdendo circa 200mt di dislivello. Dopo aver guadato il torrente, in una radura, si svolta a sinistra per salire nella valle del Rio Torto seguendo una larga mulattiera. Mano a mano che si sale i segni rossi diventano sempre meno visibili ed, a tratti, si perdono. Alcuni ometti aiutano nell'individuazione del percorso, piuttosto lungo e tortuoso. Da segnalare la presenza, prima della fine del bosco, di un profondo inghiottitoio posto proprio sul lato del sentiero. Usciti nell'anfiteatro della Vallunga, il sentiero si perde definitivamente. Si può ritrovare attraversando il pianoro e salendo verso destra, in direzione della Valle Cupella, ma in ogni caso termina in corrispondenza della fine del vecchio K7, ora cancellato (secondo la carta dovrebbe salire, più a sinistra, verso la sella). Si prosegue ora per tracce di sentiero verso il valico fra l'Altare ed il Tartaro, dove si incontrano alcuni labili segni relativi all'N3 (che dovrebbe essere, sulla carta, sempre il K3). Il sentiero è ora però ben visibile. Dopo aver superato la sella, ci si mantiene in quota girando attorno alla cima del Monte Tartaro per poi scendere, appena possibile, verso il piano dei Biscurri. Proseguendo verso valle, e tenendosi a destra, si incontra quindi il sentiero L1, proveniente dal Passo dei Monaci e, per questo, si torna al punto di partenza.