Innominata (Punta) Colbacco

L'itinerario

difficoltà: 6b / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
quota base arrampicata (m): 2500
sviluppo arrampicata (m): 250
dislivello avvicinamento (m): 950

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: popeantonio
ultima revisione: 15/09/14

località partenza: Gias delle Mosche (Valdieri , CN )

punti appoggio: Rifugio Bozano

bibliografia: Bergese G, Ghibaudo G, Corno Stella, Versante Sud ed., 2012

accesso:
Dal piazzale retrostante il rifugio Bozano, senza percorso obbligato, raggiungere la base della parete risalendo la pietraia (15 minuti). La via attacca su uno sperone arrotondato verde chiaro, qualche decina di metri a sinistra dell'evidente canale della via Ellena-Soria alla Punta Ghigo (spit visibile).

note tecniche:
Via richiodata a fix inox, utili friend medi. Dopo le prime tre lunghezze ha alcune soste in comune con la via La Belle et la Bête che corre a sinistra.
S1/II TD+.

descrizione itinerario:
L1 sperone, poi muretto (4c, 4 spit, 40 m)
L2 placche, muro impegnativo in uscita (6a, 6 spit, 35 m)
L3 strapiombo, poi diedro e strapiombetto finale (6a, 5 spit, 1 chiodo, 35 m)
L4 strapiombo, diedrino, muro (6a+, 6 spit, 2 chiodi, 30 m)
L5 placca, poi traverso verso dx (6a, 4 spit, 20 m)
L6 dura fessura-diedro strapiombante, poi placca e muro (6b, 5 spit, 2 chiodi, 30 m)
L7 muro verticale (5c, 2 spit, 15 m)
L8 muro, diedro, fessura camino strapiombante (6a+, 5 spit, 30 m)

Calate in doppia sulla via (tutte le soste sono attrezzate, non saltare le soste per le prime tre calate per evitare incastri)

altre annotazioni:
Via aperta da G. Ghigo e M. Piras, 7 luglio 1990.
Richiodata da G. Bergese e G. Ghibaudo nel 2008.