Seiva meridionale (Cima di) dal Piano del Nivolet

L'itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Ovest
quota partenza (m): 2450
quota vetta/quota massima (m): 3197
dislivello totale (m): 750

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: dovio
ultima revisione: 02/07/09

località partenza: Piano del Nivolet (Valsavarenche , AO )

punti appoggio: Rifugio Città Chivasso, Rifugio Savoie

cartografia: Kompass 1:50000 Gran Paradiso - Valle d'Aosta, n°86

bibliografia: D.Amateis, D.&D.Caresio. CAI-Rivarolo. Nuova Guida Sci-alp.del Canavese. N° B30

note tecniche:
Itinerario che rimane innevato fino a stagione inoltrata. Da effettuare quando sia raggiungibile in auto il Piano del Nivolet, oltre il rifugio Savoie, possibilmente fino alla sbarra.
(Si può in'alternativa salire la Punta Fourà (BSA) dal colle omonimo lungo il ripido pendio, fin dove è possibile con gli sci (max 40°). Proseguire eventualmente a piedi fino alle prime roccette, aggirare a sinistra un risalto roccioso e proseguire su terreno più facile fino alla croce dell'anticima).

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto, proseguire in leggera discesa, oltre l'elettrodotto lungo il sentiero che scende a Pont Valsavaranche, per circa 1km. Attraversare la Dora del Nivolet intorno a 2450m per raggiungere a mezzacosta il pendio che scende tra il Rio Piccola Ferauda ed il Rio Grande Ferauda. Alzarsi lungo di esso, attraversare una serie di dossi passando per le quote 2682m e 2723m. Tenersi al centro del vallone, con a destra in alto la dirupata parete Nord della Punta Violetta. Raggiungere il piccolo ghiacciaio di Punta Fourà; intorno ai 3000m, prima di iniziare il diagonale che porta al colle di Punta Fourà, deviare decisamente a sinistra e salire il ripido pendio Ovest fin nei pressi del torrione sommitale.