Pietralunga (Monte) da Balz, anello per il Colle Battagliola e Colle Bondormir

difficoltà: EE/F   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1582
quota vetta/quota massima (m): 2731
dislivello salita totale (m): 1149

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura
tim : 55% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: gypaet Danilo
ultima revisione: 07/09/10

località partenza: Balz (Bellino , CN )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.11 Alta Val Varaita, Alta Val Maira

bibliografia: M. Bruno. - In cima nelle Cozie meridionali - Blu edizioni.

note tecniche:
La salita è stata recentissimamente facilitata dall'installazione di una corda fissa lungo tutto il canale.
Il sentiero U23 è scarsamente segnalato, non ben visibile ma intuibile..
Escursione adatta al periodo tardo primaverile (maggio) in quanto grazie all'esposizione favorevole si libera presto dal manto nevoso. Anche l'autunno è un periodo ideale. Non si trova acqua sicura lungo il percorso.
Anello percorribile in entrambi i sensi di marcia.

descrizione itinerario:
Si lascia l’auto nei pressi del tornante vicino alla borgata Balz, poco prima di Pleyne. Da qui si segue la carrareccia che sale alla Battagliola, passando per i pascoli erbosi e le numerose e antiche grange. Giunti al colle della Battagliola (2.282 m ) si svolta a sinistra e si prosegue per un tratto appena al di sotto del filo di cresta, poi il sentiero si porta su di esso e si prosegue verso occidente in direzione della parete rocciosa, con percorso che si fa via via più ripido.
Raggiunto lo sperone di roccia dello spigolo est 2640 m inizia il passo del Ciat (del gatto), lo storico punto dal quale le truppe francesi avevano trovato una via di passaggio per superare l’impervio salto roccioso. Inizia il punto più impegnativo, esposto specialmente nella prima parte; occorre prestare attenzione allo sfasciume presente, alla stretta cengia iniziale e superare passaggi di I +; si seguono bolli e frecce verdi ormai molto sbiaditi che portano prima in diagonale verso destra per raggiungere il canalone lato nord-est; salendo per saltini di roccia si arriva a uno spuntone roccioso che si supera più agevolmente sulla sinistra, con un tratto di arrampicata (I+). Da qui si prosegue sulla più larga sella erbosa andando a sinistra ed in breve si sbuca in prossimità della punta, che si raggiunge seguendo la cresta via via più piatta ed erbosa verso destra.
Dalla cima si segue la traccia che con un lungo traverso, poco sotto il filo di cresta, volge verso ovest arrivando al colle di Bondormir 2651 m. In prossimità del colle si inizia a scendere a sinistra su una traccia di sentiero che percorre una ripida schiena erbosa, lasciando le grange Vautour a destra, raggiunge il rudere Recubre e poi si sposta leggermente a ponente, continuando a scendere ripida nel vallone e arrivare infine all’abitato di Prafauchier. Da qui scendendo lungo la strada asfaltata si raggiunge il punto di partenza.

Variante di partenza dalla località Mas del Bernard (non è segnalata ma si trova precisamente svoltando a dx adiacente alla volta a sx per Chiesa).
Appena entrati nell'abitato di Mas del Bernard si intravvedono le segnaletiche del GTA U63. Il sentiero sale ripido passando per le Grange dell'Alp 1702 m, fino alle Grande dell'Espeirea dove pochi metri dopo incrocia la mulattiera U33 proveniente da Pleyne. Da qui come per il percorso principale fino in cima e poi in discesa dal Colle Bondormir fino a alla borgata Prafauchier 1686 m, sulla strada per il ritorno a Mas del Bernard, ci arrestiamo e risaliamo in senso inverso la strada oltrepassando il ponte del Torrente Varaita di Bellino. Subito dopo sulla sx un sentiero scende per un tratto il torrente ed è segnato con una segnaletica che conduce a Fontanile e poi Chiesa. Imbocchiamolo e seguiamolo fino a Chiesa, da Chiesa si vedono le case adiacenti di Mas del Bernard e le raggiungiamo per chiudere l'anello,

altre annotazioni:
Caratteristica formazione rocciosa, allungata in direzione sud-nord, si scorge arrivando da oriente nella linea di cresta che separa la valle Varaita di Bellino da quella di Chianale. La panoramica cima domina un’area, il colle della Battagliola e la punta del Cavallo, storicamente famosa per gli scontri tra le truppe piemontesi e i franco-spagnoli, avvenute a metà del ‘700.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale

Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Pietralunga (Monte) da Balz, anello per il Colle Battagliola e Colle Bondormir - (0 km)
Gabel (Monte) da S. Anna - (0.3 km)
Pelvo d'Elva anello da Ponte Pelvo per i Colli Camosciera e delle Sagneres - (0.5 km)
Pietralunga (Monte) da Prafauchier per il Colle del Bondormir - (1 km)
Pelvo d'Elva da Chiesa per il Colle della Bicocca - (1.1 km)
Battagliola (Punta) e Punta del Cavallo da Chiesa - (1.2 km)
Pelvo di Chiausis da Sant'Anna - (1.2 km)
Rutund (Bric) da Ponte Pelvo - (1.9 km)
Ferra (Monte) da Chiazale per il Colle di Bondormir - (2.3 km)
Marchisa (Rocca la) da Ponte Pelvo per il passo Sagneres - (2.4 km)
Camosciera (Bric) da Ponte Pelvo - (2.4 km)
Sagneres (Pic delle) da Ponte Pelvo - (2.5 km)
Camosciera (Lago di) da Chiazale Ponte Pelvo - (2.5 km)
Ferra (Monte) da Sant'Anna, anello valloni di Rui, Fiutrusa, Reisassa - (2.6 km)
Pelvo d'Elva Via Normale dal Colle della Bicocca - (3.1 km)
Pelvo d'Elva, Monte Chersogno, Rocca la Marchisa dal Rifugio Melezè, anello - (3.1 km)
Pietralunga (Monte) da Sant'Anna - (3.2 km)
Pelvo d'Elva dal Colle della Bicocca, anello per il Monte Camoscere - (3.2 km)
Chersogno (Monte) dal Colle della Bicocca - (3.2 km)
Ferra (Monte) da Sant'Anna, anello per il Colle di Reisassetto - (3.4 km)
Maurel (Monte) da Sant'Anna - (3.4 km)
Salza (Monte),quota 3217 m a Sud da Sant'Anna - (3.5 km)
Bellino (Monte) da Sant'Anna, anello per il Buc Faraut - (3.5 km)
Pelvo di Ciabrera da Sant'Anna, anello per il Colle Autaret - (3.5 km)
Rasis (Punta e Testa) da Sant'Anna - (3.5 km)