Cristalliera (Punta) Canale SE, Fog Free

tipo itinerario: canale
difficoltà: / 4.2 / E3   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Est
quota partenza (m): 1521
quota vetta/quota massima (m): 2801
dislivello totale (m): 1280

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: dyingsnowdrops
ultima revisione: 18/05/09

località partenza: Seleiraut o Rifugio Selleries (Roure , TO )

punti appoggio: Rifugio Selleries 2023 m

cartografia: Fraternali 1:25000 n.3 Val di Susa Val Cenischia Rocciamelone Val Chisone

descrizione itinerario:
Accesso:
risalita la Val Chisone, si giunge a Chambons, poco prima di Fenestrelle, dove una strada in salita sulla destra indica Pra Catinat, Rifugio Selleries. La si percorre fino a dove viene tenuta aperta, ovvero nel periodo invernale fino al centro di soggiorno di Pra Catinat; parcheggi in uno spiazzo a fine strada, oppure lungo la strada stessa.

Partenza alternativa da Seleiraut, frazione che si raggiunge da Villaretto tramite una ripida e tortuosa strada asfaltata, poco parcheggio nei pressi di una chiesetta prima delle case. Questa strada nel periodo invernale o primaverile può essere innevata o ghiacciata.

Salendo da Pra Catinat i imbocca la stradina per il Rifugio Selleries, che misura circa 8 km, ma volendo evitarne una parte, è possibile seguire immediatamente un sentiero sulla destra (segnavia bianco/rossi) che si inerpica nella pineta, sbucando su una dorsale che si affaccia sui prati di Pra Catinat, ampio panorama. Qui si ritrova la strada, che salvo una brvee scorciatoia per tagliare un paio di tornanti, occorrerà seguire sino al termine, con un paio di saliscendi passando per Saret del Campo e Jouglard e infine dopo aver aggirato un costone, al Rifugio Selleries (1h30’-2h)

Salendo da Seleiraut, con percorso più diretto, si segue il sentiero a sinistra delle case (N-O), che prima attraversa il bosco con un mezza costa, poi arrivati al ponte di legno sul torrente, si volge a destra e si risale il vallone sul fondo (se innevato) o sul lato sinistra orografico. Dopo un centinaio di m di dislivello il vallone si biforca, si segue allora il ramo di destra faccia a monte (l'altro presenta un salto d'acqua), ma appena possibile traversare a sx e andare a prendere il ramo di sx sopra il salto. Proseguire lungo il ripido canalone, che passa alla dx di un castello roccioso, quindi la pendenza diminuisce e con ultimo salto si arriva nella conca del Lago del Laus.
Da qui si punta a SE verso il conoide dell'evidente canale.