Palestra Gabriele Bechaud maggio ciondolo

difficoltà: 6b / 6a obbl
esposizione arrampicata: Est
quota base arrampicata (m): 850
sviluppo arrampicata (m): 100

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura
tim : 100% di copertura

contributors: Damiano Ceresa
ultima revisione: 05/05/09

località partenza: Fontainemore (Fontainemore , AO )

cartografia: valle di Gressoney

note tecniche:
questa via si trova nella falesia dedicata a Gabriele Beuchod nel comune di Fontainemore a 10 Km da Gressoney. Arrivati nel paese di Fontainemore proseguire ancora per due Km e poi svoltare a sinistra per la fraz. di Borney. Seguire poi le indicazioni.....
Via attrezzata molto bene a spit, con soste attrezzate e anelli per la calata in doppia.
Classica via o falesia per giornate in cui il tempo è incerto....comodissima con la macchina!

descrizione itinerario:
Via particolarmente bella e non banale su roccia di megascisti gneissici, continua sul 6a con un tiro gradato 6b, ma forse anche qualcosina di più!
1° tiro: 6a+, inizia con un corto traversino verso destra per poi proseguire verticalmente....passaggio ben manigliato, ma con un movimento strano e duro.
2° tiro: 6b, abbastanza facile fin sotto al muro verticale da dove hanno poi inizio i passaggi più duri. Gran bel 6b, forse un tantino stretto, determinato da movimenti precisi e non molto manigliato......solo piccole tacche. Qui c'è una presa scavata, ma che io non ho usato perchè a parer mio è scomoda da tirare....vedrete!
3° tiro: 5a, tiro corto e di spostamento per superare un breve muretto e portarsi ai tiri sucessivi...
4° tiro: 6a, bel muro verticale con arrampicata su piccole tacche...
5° tiro: 6a+, tiro che inizia con una bella fessura per poi spostarsi sulla destra dove ha inizio una arrampicata di nuovo su piccole tacche e leggermente appoggiata....non banale il passaggio di spostamento dalla fessura a destra.....

Discesa: 2 corde doppie sulla via o sulla via accanto a destra
(vecchia quercia), quest'ultima forse migliore perchè le corde sono più facili da recuperare.

Grazie ai miei compagni di cordata Daniele, Marco e Marco!