Paluc (Bric) - Chenon (Bric) anello da Castiglione Torinese

difficoltà: OC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 250
dislivello salita totale (m): 1000
lunghezza (km): 35

copertura rete mobile
tim : 80% di copertura

contributors: gastro
ultima revisione: 19/10/10

località partenza: Castiglione Torinese (Castiglione Torinese , TO )

punti appoggio: vari

note tecniche:
giro molto vario a sali scendi; molto divertente 100% ciclabile;
pochissimo asfalto;
da fare preferibilmente con terreno secco;
i 1000 mt di dislivello si contano a partire da S.Martino

descrizione itinerario:
Da Castiglione seguire la strada per Chieri , quindi girare a dx per strada Rubatera in salita fino ad una ulteriore deviazione a sx (indicazione S.Martino) che porta dopo alcuni strappi alla chiesetta di S.Martino : da qui inizia il giro vero.
Seguire la strada in piano che ben presto diventa sterrata ; dopo un evidente strappo , prima di arrivare a Str. Tetti None, deviare a sx seguendo un ampio sentiero ( a fianco di un muro di cinta) che porta ad un bivio (indicazioni Bric Chenon); seguire un bellissimo single trek sulla dx che porta , dopo una breve discesa ripida a Tetti None;
continuare sulla sx per breve asfalto e raggiungere un sentiero dissestato , non sempre molto evidente, che, costeggiando un rio (Rio Crivella) porta ad attraversarlo sulla dx ; seguire la carrareccia fino ad un bivio ; reperire in mezzo agli alberi la traccia di un sentiero ( palina con indicazione) che raggiunge un ampio prato ( a dx cascina abbandonata) e da qui una nuova carrareccia che raggiunge la provinciale Cordova - Baldissero; seguirla fino all'abitato di Cordova;
raggiungere via Vaitascosa fino a un trivio: proseguire dritto raggiunendo un nuovo e ampio sentiero che , dopo uno strappo , raggiunge in single trek in piano nuovamente la provinciale in corripondenza di una croce di legno; deviare a sx per circa 100 mt quindi a dx seguendo il sentiero fino alla valle Garavaglia;
su asfalto toccare nuovamente la Provinciale per Cordova, deviare a dx e dopo breve tratto nuovamente a sx (via della Madonnina) che, su asfalto , con pendenza notevole riporta in prossimità di Cordova, ad uno sterrato, che in piano conduce ad una chiesetta ;
salire di fronte su via del Castelleto e raggiungere nuovamente il trivio ; a tal punto continuare dritto ( a dx si ritornerebbe sul sentiero già percorso) in discesa fino alla confluenza con la carrareccia proveveniente dal rio Crivella; deviare a dx , ripercorrere l'itinerario nel pratone e raggiungere nuovamente la provinciale Cordova-Baldissero;
seguirla a dx fino al bivo per il Bric della Croce, in forte pendenza salire sulla carrareccia che poi diventa ampio sentiero tenendo sempre la traccia principale (non considerare i vari bivi) sbucando sulla provinciale per Rivodora; seguirla a sx quindi ad un bivo sulla dx fino alla indicazione per Valle Ceppi; nuovamente a sx salire per strada Palucco fino ad uno sterrato dal lato opposto della strada (dove si interrompe il guard rail) che si segue senza badare ai vari bivi fino alla panoramica per Superga;
da qui a dx per circa 100 mt; dal lato opposto (catena) imboccare un sentiero che riporta sulla panoramica allo sbocco di strada Palucco; seguirla in discesa fino ad un nuovo sterrato dapprima in salita poi in piano che raggiunge un nuovo bivio ( zampe di volpe sugli alberi;
in prossimità di una piazzola della Panoramica) a dx: seguendo il sentiero a tornanti si raggiunge nuovamente la Provinciale proveneiente da Baldissero , la si attraversa e si reperisce un ampio sentienro tecnico che scende a borgata Tetti Ronchi; su asfalto dopo alcuni tornati si raggiunge Tetti Trivero; quindi si svolta a dx sulla strada antica di Baldissero (ripidissima!) che , a fondo naturale, raggiunge nuovamente la provinciale proveniente da Rivodora; seguirla sulla dx fino al bivio per Strada Tetti None;
in leggera discesa si arriva allo sterrato provenienete da San Martino, prima della rampa percorsa in salita) reperire sulla sx un sentiero molto tecnico che , dopo vari salti , buche e tratti in piano (ad una deviazione tenere la dx poi subito la sx) raggiunge il cimitero di Rivodora; raggiungere la provinciale seguirla in discesa fino la semaforo e , deviando a dx sulla statale ritornare a Castiglione