Valnera (Alpe) da Trovinasse, giro

difficoltà: BC / TC   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 1400
quota vetta/quota massima (m): 1761
dislivello salita totale (m): 730
lunghezza (km): 23

copertura rete mobile
vodafone : 100% di copertura

contributors: ee
ultima revisione: 14/10/04

località partenza: Trovinasse (Settimo Vittone , TO )

cartografia: 1:50.000 n. 9 IVREA BIELLA e Bassa Valle d'Aosta

bibliografia: libro Guida alla Dora Baltea Canavesana edito da CDA

descrizione itinerario:
continuiamo lungo la strada asfaltata raggiungendo, dopo due tornanti, la sbarra con cartello di divieto di accesso (1,51 km) subito dopo la quale teniamo la destra (1,55 - localita' Alpe Buri m 1525 - dalla parte opposta indicazioni per Colle Lace e ristoro agriturismo Belvedere).
Si continua su sterrato, piu' volte interrotto da brevi tratti asfaltati, che lungo le pendici del monte la Torretta tocca in successione numerosi alpeggi, le cui diramazioni di accesso risultano evidenti e non verranno pertanto menzionate.
Subito dopo Murialla (2,36 - m 1529) si raggiunge il punto piu' elevato della tagliafuoco nonche' pista interpoderale, oltre il quale inizia una dolce e lunga discesa.
Dopo un ponte (3,63) si trascura la rampa in forte salita sulla sinistra (3,78), passando quindi nelle vicinanze della cappella Corma degli Ordieri (sul prato, poco piu' in basso).
Si entra quindi in una zona a bosco e con alcuni tornanti (al primo ignorare la sterrata sulla sinistra - 5,82) transitiamo per Peila (m 1320 - 6,26) e, oltre il bivio per l'area decollo volo libero Delta Club I Barbagianni (6,56), perveniamo su asfalto (6,83) all'ampio parcheggio dell'area attrezzata (con tavoli e panche per il pic-nic) di S. Giacomo.
Al termine dello spiazzo, proseguiamo sulla strada di sinistra (6,95 - cartello rifugio Mombarone) che presto diventa a fondo naturale (7,06), superando una sbarra (7,08).
Si ignorano due sterrate sulla destra: la prima al km 7,38 e l'altra in prossimita' di un tornante (8,32). Anche qui troviamo alcuni brevi tratti asfaltati.
I frequenti segni di vernice gialla sono invece relativi al percorso della gara podistica Ivrea-Mombarone (2100 metri di dislivello in 25 km!).
Dopo una serie di tornanti ed un ponte (9,22), affontiamo un lungo traverso che tocca prima l'Alpe Pinalba (9,92 - m 1583) e quindi la piu' grande Alpe Meia (10,74 - m 1640).
Dopo uno strappo proibitivo, che costringera' quasi certamente a procedere a spinta, si perviene alle due costruzioni dell'Alpe Valnera (11,60 - m 1761), ove termina la strada ed anche l'itinerario. Ritorno seguendo a ritroso il percorso gia' fatto.