Udine (Punta) Cresta Est

difficoltà: AD+   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 2020
quota vetta (m): 3020
dislivello complessivo (m): 1000

copertura rete mobile
vodafone : 4% di copertura
tim : 6% di copertura
no operato : 0% di copertura
3 : 40% di copertura

contributors: spiderobby
ultima revisione: 18/06/09

località partenza: Pian del Re (Crissolo , CN )

punti appoggio: Rif. Giacoletti 2741m

cartografia: IGC 106

bibliografia: Alp grandi montagne collezione Monviso

vedi anche: http://www.giacoletti.it/cresta-est-di-p-udine/

note tecniche:
facile divertente ed estetica via classica in ambiente molto suggestivo.
via totalmente attrezzata a spit alle soste e lungo i tiri, utile eventualmente qualche cordino o friend medio per integrare.

descrizione itinerario:
attacco
subito dietro il rifugio in un diedro-canale..spit..continuare seguendo la cresta a tratti aerea..
dodici tiri con difficoltà max IV/V che portano direttamente in cima

L1 30m. Superare il canale-camino e raggiungere la comoda sosta sotto ad un tetto fessurato. 3b, 4b

L2 20m. Pochi metri a destra e poi verticalmente fino alla base di una placca fessurata. 3c, 3a

L3 40m. Salire la placca fessurata e poi traversare fino a raggiungere un intaglio esattamente sul filo di cresta. 4c, 4b

L4 25m. Superare l’ostico e stretto camino, attenzione allo zaino. 4c, 4b

L5 30m. Seguendo placche poco inclinate e facili gradoni, raggiungere il terrazzino erboso sulla cresta. 3b

L6 30m. Seguire il filo di cresta caratterizzato da gendarmi affilati. 3a

L7 30m. Continuare sulla cresta superando a sinistra un breve risalto fino alla base di uno sperone verticale. 3a

L8 50m. Percorrere il canalino erboso fino al suo termine e raggiungere la Traversata degli Angeli, aerea cengia erbosa che taglia orizzontalmente tutta la parete est della Udine, utilizzata anche come via di fuga dalla cresta.

L9 35m. Lasciare a sinistra la Traversata degli Angeli e continuare a destra sul pilastrino fratturato e la compatta placconata per ritornare nuovamente sul filo di cresta. 3b, 4a

L10 40m. Seguire l’elegante e panoramica cresta e raggiungere un comodo punto di sosta, bellissima lunghezza. 4b, 4c

L11 40m. Continuare sulla cresta fino alla base di un modesto torrione. 2b, 3b

L12 30m. Superare il torrione e raggiungere la cresta sommitale a pochi metri dalla croce. 3c, 4a

discesa
Dalla vetta seguire gli ometti fino al Colle del Coulour del Porco e il percorso della Ferrata fino al rifugio, fino alla sosta 5 è possibile scendere in doppia.

altre annotazioni:
Autori: Felice Burdino, Dino Genero, Ettore Serafino il 21 settembre 1952