Ancesieu Orso poeta

difficoltà: 6c+ / 6c obbl
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 1500
sviluppo arrampicata (m): 330
dislivello avvicinamento (m): 400

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: Damiano Ceresa
ultima revisione: 30/06/13

località partenza: Forzo (Ronco Canavese , TO )

punti appoggio: bar a Tressi (Forzo)

bibliografia: rock paradise,M. Oviglia

accesso:
Val Soana, fin quasi a Ronco, poi per strada Forzo fino a un ponte 1.5 km dopo la frazione Lasinetto.

Dal fiume ritornare un pò indietro lungo la strada e,dopo una curva,prendere un sentiero segnalato su una roccia con la scritta "palestra". Seguire il sentiero (ometti) che sale sempre verso dx fino a uscire dal bosco e entrare nel canale che viene seguito fin quando si restringe a imbuto (30-40 minuti).

note tecniche:
Risalire il vallone di Forzo,e dopo circa 1,5 km dopo l'abitato di Lasinetto,parcheggiare a sinistra su un ponte in cemento.A piedi tornare indietro per 300m e salire nel bosco per traccia e ometto verniciato su masso.Giunti nel canale sottostante la parete,risalirlo al meglio (attenzione se bagnato) fin quando si restringe a imbuto.
La via attacca su una placca abbattuta.
Materiale occorrente:2 mezze corde,friend fino al grande,nut piccoli.
Discesa in doppia sulla via (alcune esposte).

descrizione itinerario:
Itinerario grandioso su parete verticale,con lungezze in placca bellissime ma impegnative!
la via è la penultima risalendo il combetto e la partenza è situata ad una sosta S0 sopra ad una cengia erbosa con cordone bianco.
L1: La via inizia su una placca non difficile (6a+) ma con spit molto distanti; 6a+(4 spit; non si integra)
L2: Dalla sosta andare a sinistra (spit evidenti) rbaltarsi sopra la cengia erbosa, risalire la fessura (spit) e risalire la seguente fessura spesso bagnata fino in sosta. 6b+ (4 spit sul tiro e poi si integra)
L3: dalla sosta risalire le fessure soprastanti (spit visibile ma molto alto), dallo spit andare verso dx e aggirare lo spigolo e poi risalire verso sx le fessure che sempre verso sx vanno a finire in sosta (sosta non visibile se non all'ultimo; 6b (2 spit sul tiro e poi si integra); tiro molto bello
L4: dalla sosta visibili gli spit, risalire il muro con la canna e dal 3° spit andare a dx sulla fessura da proteggere fino ad uno spit quasi a fine tiro e poi sosta; 6c (4 spit sul tiro + friends). Sosta scomoda e appesa
L5: dalla sosta andare a dx per fessurine e guadagnare lo spit in piena placca, da lì a sx e per placca sempre verso sx raggiungere l'altro spit. da qui fessura e facilmente in sosta. 6b+ (2 spit + friends)
L6: splendida placca, tanto bella che sembra disegnata. Spit visibili e distanti. Il tiro va prima dritto e poi piega a dx fino in sosta con un traversino non difficile. 6b+ (6 spit e non si integra)
L7: tiro con il passo di 6c obbl. dalla sosta andare un po' a dx reperire il vago diedro e poi seguire gli spit visibili fino in sosta 6c (4 spit)
L8: dalla sosta risalire il muro poi placca sovrastante (spit visibili) e poi uscire sulla cengia erbosa e raggiungere la sosta visibile. 6b (2 spit)
L9: altro tiro con l'obbligatorio. Dalla sosta è praticamente visibile tutto il tiro; risalire il diedro puntando agli spit visibili. Il passo chiave è al penultimo spit dove bisogna spostarsi verso sx sfruttando il diedrino cieco. Moschettonato lo spit si è praticamente in sosta. 6c+ (stretto) (6 spit)
L10: dalla sosta risalire la placca fessurata (spit visibile) e poi risalire la placca; da qui seguendo gli spit visibili andare a prendere il sistema di fessure che si forma sotto al diedro/tetto in cui una buona fessura proteggibilissima porta in sosta. 6b+ (4 spit + friends)
Doppie sulla via: noi abbiamo fatto: Da S10 a S8; da S8 a S5; da S5 a S3; da S3 a S1; da S1 a terra (corde da 60 metri!