Corvo (Monte) dal Colle Abetone per il Vallone Crivellaro

L'itinerario

tipo itinerario: in canalone
difficoltà: OS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1700
quota vetta/quota massima (m): 2623
dislivello totale (m): 1100

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: annibale
ultima revisione: 23/10/10

località partenza: Colle Abetone (Fano Adriano , TE )

cartografia: Carta 1:25000 Gran Sasso

bibliografia: Scialpinismo Gran Sasso:Persio/Gran Sasso TCI

note tecniche:
Il v. Crivellaro conserva la neve molto a lungo.E' possibile effettuare l'itinerario nei mesi di Maggio e Giugno (in questo caso si può partire da Colle Abetone,raggiungibile con una forestale in buone condizioni da Prato Selva).
Vedi anche descrizione itinerario n°16 in Scialpinismo Gran Sasso di C.Persio e itinerario D3 parte scialpinistica libro TCI Gran Sasso

descrizione itinerario:
Dall'Albergo di Prato selva si sale lungo la pista da sci a fianco della seggiovia.
Al pilone n.18 una strada forestale entra a dx nel bosco.
Seguirne il tracciato e ad un primo bivio andare a sx.
Proseguire lungo una pista tra i faggi fino ad uscire in una larga radura che si attraversa verso Sud per risalire la crestina boscosa,dove si trova la traccia del sentiero che continua fino alla piana di S. Pietro.
Si sale direttamente il V. Crivellaro rimontando un tratto più ripido,fin quando si apre un bell'anfiteatro,chiuso in alto da alcune fasce rocciose.
Dall'anfiteatro si esce risalendo uno dei 3 diversi canali sulla sx (in genere quello in condizioni migliori è il più a sx dei 3) arrivando così sulla cresta che si sporge sull'impervio Fosso del Monte.
Si prosegue a dx per cresta,risalendo poi per l'ampio crinale che s'innesta sulla cresta principale e unisce la V. Ovest 2533 alla più elevata Vetta Est di M. Corvo 2623 che si raggiunge rimontando a sx lungo la cresta.
Discesa ungo la via di salita.

Discesa variante:
dalla V. Est spostarsi lungo il crinale che la unisce alla V.Ovest; quando la cresta comincia a salire verso la V. Ovest abbassarsi decisi a dx (nord) entrando così nella testata del V. Crivellaro.
Scendere lungo il ripido pendio con un paio di tratti obbligati per evitare delle rocce,quindi il vallone si allarga e la pendenza si attenua,arrivando così ad incontrare le tracce di salita che si percorrono a ritroso fino a Piano Selva