Termier (Tour) Le Feu Sacrè

difficoltà: 7a :: 6a obbl ::
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 2650
sviluppo arrampicata (m): 350
dislivello avvicinamento (m): 300

copertura rete mobile
vodafone : 40% di copertura
tim : 30% di copertura
no operato : 0% di copertura
altri : 80% di copertura

contributors: marco77
ultima revisione: 14/10/10

località partenza: Tornante sotto il Col du Galiber (Le Monêtier-les-Bains , 05 )

punti appoggio: Col du Galibier o Monetier

cartografia: Oisans Nouveau Oisans Sauvage

bibliografia: Oisans Nouveau Oisans Sauvage

note tecniche:
Discreta via forse un pò sopravvalutata nei gradi!
Per il resto bella roccia e tantissimi fixe da 12!!!
Nessuna integrazione ma portarle non fa mai male...
Ambiente molto bello e splendida visuale sulla Meije.

descrizione itinerario:
Avvicinamento
Da Briancon in direzione Col du Lautaret - Grenoble (RN91); dopo pochi chilometri si attraversa il paese di Chantemerle ; successivamente quello di Monetier les Bains (ultimo centro importante della Val de la Guisane). Il paesino di Le Lauzet, costituito da poche case, è su una stradina parallela alla RN91 e si raggiunge svoltando a sinistra poco prima di Pont de l'Alpe, dove parte il sentiero per la Aiguillette du Lauzet. In rapida successione si trovano i parcheggi per La Lauziere e l'Eperon de la Route, la Tete Colombe e la Tour Termier.

Accesso
Superato Pont de l'Alpe si continua verso il Col du Lautaret. Poco prima della galleria paravalanghe, denominata "La Marionnaise", si stacca sulla destra una piccola strada sterrata, che si può percorrere solo per qualche centinaio di metri perché in pessime condizioni.
Conviene parcheggiare sulla RN91, ad una quota di 1998 m. Seguendo la sterrata dopo due tornanti si imbocca a destra una traccia pianeggiante che si segue fino ad un torrente.
Salendo per pascoli e pietraie su sentiero incerto e facile da smarrire si perviene al pianoro detritico sottostante la parete; attraversata una zona di blocchi si giunge alla base.
La via attacca a sinistra dell'evidente spaccatura che caratterizza la Tour Termier, nei pressi di un diedro verticale ad una quota indicativa di 2700 m. C'è anche un accesso veloce (’50) direttamente dalla strada che sale al Col du Galibier .

L1: diedro verticale e fessura,6a
L2: diedro-lama strapiombante,6a/b
L3: traverso delicato su piccole reglettes e pancia,6a/b a questa sosta conviene attraversare per cengia comoda verso sx per 8/10 mt per andare a reperire la sosta 3 bis(spit da collegare)
L4: diedrino iniziale,appigli molto piccoli,placca verticale,6b+
L5: tiro di placca lavorata,6a
L6: roccia lavorata,diedrini con lame delicate,6b
L7:roccia grigia ,lame molto fragili e traverso molto delicato,azzerabile, 7a(a1)
l8: traverso a sinistra,lama da tirare,risalire la placca e serie di diedrini,6a/b
L9:placca,tettino e placca con roccia granulare,6b/6b+ (hanno aggiunto 1 sosta se si vuole spezzare il tiro)
L10: tiro con 1 bel diedro facile che porta in cima,5c.

discesa:
con otto calate sulla via o discesa a piedi scendendo al col termier e ghiaione ripido,consigliata in assenza di neve