Fontane (Punta delle) - quota 3068 m da Piamprato

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Est
quota partenza (m): 1551
quota vetta/quota massima (m): 3068
dislivello totale (m): 1517

copertura rete mobile
vodafone : 30% di copertura

contributors: eolo
ultima revisione: 27/02/08

località partenza: Piamprato (Valprato Soana , TO )

punti appoggio: agriturismo aquila bianca (Piamprato)

cartografia: Cartografia IGM foglio 42 Valprato Soana 1:25000/ Gran Paradiso scala 1/50.000 Enrico editori - Ivre

bibliografia: Guida sci-alpinistica del Canavese - III edizione

note tecniche:
Gita da compiersi in seguito alla caduta delle valanghe sul rio delle Fontane. Inoltre il ripido pendio a sud della cima beccher va percorso in discesa non oltre le ore 10,30-11.
Dalla vetta si puo anche scendere direttamente con direzione est (+ripido) fino a 2500 metri senza ripassare sotto la cima Beccher

descrizione itinerario:
Da Piamprato seguire la mulattiera che toccando dapprima le grange Prariond 1643 m.,sale poi fino a quota 1720 m.. A questo punto,dopo aver attraversato il rio della Reale, salire alle grange Pontet (1789) e quindi alle baite del Becco grande 2170 m. Attraversare il pianoro del rio delle Fontane, innalzandosi verso Nord, prima della bastionata a sinistra, che scende dalla quota 3068. Proseguire quindi in direzione del pendio sud che scende dalla cima Beccher, su pendio a tratti anche un pochino sostenuti, fino a quota 2900 metri circa allorche diventa visibile, sulla sinistra la calotta della quota 3068. Salire quindi senza ulteriori diffcolta il pendio di modesta pendenza che in breve, con ottimo panorama anche sul vallone di Champorcher conduce alla calotta sommitale.
Discesa: In discesa conviene seguire l'itinerario di salita, normalmente solo fino ad un centinaio di metri sopra le baite del Becco grande (da lasciare sulla sinistra e non raggiungere) poi, piegando a sud in direzione della quota 2962 raggiungere il canale che risulta al momento meglio innevato (solitamente quello del rio delle Fontane) e scendere su cono di valanga fino ad intersecare il rio della Borra, quindi raggiungere Pianprato