Tre Vescovi (Punta ) da Piedicavallo

difficoltà: BSA   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud
quota partenza (m): 1037
quota vetta/quota massima (m): 2501
dislivello totale (m): 1464

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: marcofoglietti
ultima revisione: 27/04/09

località partenza: Piedicavallo (Piedicavallo , BI )

punti appoggio: Rifugio Rivetti - CAI Biella

bibliografia: CAI Biella - Sci Alpinismo nel Biellese n° 24

descrizione itinerario:
dal parcheggio posto alla fine del paese di piedicavallo (parco giochi), individuare fra le case la mulattiera che sale al rif. rivetti - colle mologna. seguirla fino a quando si possono calzare gli sci e continuare lungo il vallone (direzione n) fino a quando si incontra l'edificio ormai cadente del ristoro olimpia, presso alpe anval (1539 m).
Proseguire nella stessa direzione, superando le baite e un risalto fino al fondo del pianoro, poi deviare a sinistra (Ovest) e risalire i ripidi pendii esposti a E, passando presso l'alpe Lavazei (m 2043) per portarsi con un traverso verso destra (direzione nord) al Rifugio Rivetti (m 2201), visibile dal basso.
Dal rifugio riportarsi al centro del vallone, in direzione del canalino che sale al Colle della Mologna Grande (mt. 2364), al quale si perviene solitamente a piedi.
Scendere leggermente sul versante valdostano e a seconda delle condizioni traversare più o meno alti a destra per portarsi al centro del pendio che in direzione Est porta sotto la vetta, con pendenza via via crescente.
Appoggiarsi al colletto a nord della vetta, poi traversare a destra sotto la stessa fino alla spalla ovest (tratto ripido in traverso - attenzione alle condizioni) e risalirla fino alla vetta.
Nel caso il traverso non sia in condizioni lasciare gli sci al colletto e risalire a piedi la cresta N.
Per la discesa consigliabili i pendii sud: dalla punta seguire brevemente (sci ai piedi) la cresta sud-est per portarsi sull'ampio pendio canale.
Seguirlo fin dove possibile, poi traversare a destra in direzione del Rifugio e continuare la discesa per i pendii e canali al centro del vallone.