Colombano (Monte) dal Ponte del Dazio

tipo itinerario: bosco rado
difficoltà: MS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 600
quota vetta/quota massima (m): 1658
dislivello totale (m): 1058

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
tim : 80% di copertura

contributors: roby4061
ultima revisione: 03/11/10

località partenza: Ponte del Dazio (Viù , TO )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.8 Valli di Lanzo

bibliografia: G. Bezze, P.L.Mussa, E.Sesia. CDA. Valli di Lanzo, Tesso e Malone. n° 2

note tecniche:
Da effettuarsi solo con innevamento molto abbondante alle basse quote, vista la natura del terreno prevalentemente pietrosa. L'itinerario si svolge per buona parte in zona boscosa, che presenta alcuni tratti un po' laboriosi verso i 900 m, ma senza grossi problemi. E' consigliato seguire l'itinerario nel senso descritto, per poter godere di migliori pendii per la discesa. Il Colombano è comunque un bell'itinerario paesaggistico, consigliato agli amanti dello sci-alpinismo d'esplorazione....e dell'avventura....

descrizione itinerario:
Dal Ponte del Dazio si risalgono direttamente i prati tra le case cevrai verso sud, inoltrandosi nel bosco, toccando alcune baite diroccate.
Ci si porta sulla dorsale toccando le case Incoccia per poi abbassarsi nel fondo del vallone del Rio dell'Agnello (tratto un po' infelice), .
Di qui si prosegue per bei pendii popolato da radi pini, su terreno abbastanza aperto, fino a portarsi sulla dorsale nord-est. Lasciando a sx la q.1568 si sale verso dx e si raggiunge la vetta, sormontata da un grosso pilone.

Discesa: è preferibile percorrere il vallone del Rio dell'Agnello. Dopo i bellissimi pendii superiori, conviene mantenersi sulla dx idrografica, seguendo pressappoco una dorsale che si abbassa verso il fondo del vallone, fino ad arrivare nei pressi del torrente. Non attraversare dove si nota un sentiero in leggera salita sull'opposto versante che conduce a delle baite, ma proseguire fino ad una specie di guado. Si passa sulla sx idrografica e si continua a scendere, fino ad arrivare in vista di un ponte.
Lo si attraversa e si segue la stradina che in breve porta ad un altro ponte, a pochi minuti dal Dazio.