Alpavin (Crete de l') Versante N

L'itinerario

difficoltà: BR   [scala difficoltà]
esposizione: Nord
quota partenza (m): 1626
quota vetta/quota massima (m): 2735
dislivello totale (m): 1110

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: pr18
ultima revisione: 01/02/15

località partenza: Rocher Baron (Saint-Martin-de-Queyrières , 05 )

cartografia: Carte IGN 35360T Briançon

accesso:
Dal Colle del Monginevro, raggiunta Briancon, si prosegue in direzione di Embrun fino a Saint Martin de Queyrieres 1202 m. Dalla borgata le Villaret si prende la strada verso Roche Baron. Con innevamento normale si lascia l'auto a Rocher Baron a quota 1200 m (aggiungere 400 m. di disl.).
In stagione avanzata si può accorciare decisamente il dislivello (forbice compresa tra 1700 m. e 1300 m.), arrivando con l'auto ad una quota tra 1610 m. (le Pas du Rif) e i 1800 m. circa, in prossimità del ripiano del Calvaire du Vallon. La sterrata in molti punti non è in buone condizioni.

note tecniche:
il versante N consiste nella risalita di circa 200 m con pendenze di poco superiori ai 30° (BR). Evitandolo dalla via normale, le difficoltà sono MR. Si può percorrere l'anello indifferentemente nei due sensi.

descrizione itinerario:
poco oltre il ponticello 1626, si lascia la sterrata a favore di un sentiero sulla sinistra che permette di tagliarne i tornanti. Per bosco e radure si prosegue fino a raggiungere il ripiano del Calvaire du Vallon.
Dal ripiano si risale un sostenuto pendio, tra larici e massi e si perviene al bellissimo ripiano Fond Froid 2200 m circa. Si prosegue verso SO e intorno alla quota 2300 m ci si inoltra nella conca compresa tra il Peyron e la quota 2635 e si risale il pendio uscendo sulla parte sinistra della cresta, dove in seguito è meno ripido. Volgere a destra e risalire la dorsale che porta direttamente sull'ampia cima.

Salita dalla via normale: a quota 2300, si evita l'itinerario del versante N, continuando la salita del vallone compreso tra la Crete de Serre Chapelle a sinistra e la quota 2635 a destra, piegando in seguito decisamente a destra oltre la quota 2635 (SO). Si continua la salita costeggiando la Crete de l'Alpavin fino all'ampia cima.

Discesa dalla via normale o dal pendio N.