Pe de Jun (Testa) Canale NE del Bail

tipo itinerario: attraversa pendii ripidi
difficoltà: BRA / PD-   [scala difficoltà]
esposizione: Est
quota partenza (m): 1746
quota vetta/quota massima (m): 2720
dislivello totale (m): 974

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: pr18
ultima revisione: 29/01/15

località partenza: Grange (Argentera , CN )

cartografia: Fraternali 1:25000 n.13 Alta Valle Stura di Demonte; IGC 112 Valle Stura Vinadio Argentera

bibliografia: J. C. Campana - Alpi Liguri Alpi Marittime Alpe de Provence

accesso:
Cuneo, Borgo S. Dalmazzo, Valle Stura fino a Grange, appena dopo Argentera.

note tecniche:
E' posta sullo spartiacque Puriac/Lauzanier tra l'Enciastraia ed il Ventasuso, mete classiche molto più battute. La viariante dal canale del Bail, combinato con la via normale, offre la possibilità di percorrere un bel giro ad anello nella parte superiore dell'itinerario che può essere percorso anche in senso inverso, a seconda delle condizioni nevose che devono comunque essere sicure, poichè la zona è soggetta a venti che causano frequenti accumuli. Si può anche solo intraprendere la salita dalla via normale evitando il canale, qualora passandone alla sua base, non lo si trovasse in buone condizioni. Picca e ramponi.

descrizione itinerario:
Dal tornante presso la Borgata Grange di Argentera ci si immette nel Vallone di Puriac, seguendo la sterrata che attraversa lo Stura. Attraversato successivamente un ponte (1822 m) che porta sulla sinistra orografica del Puriac, si svolta a sinistra e si abbandona ben presto il fondo del vallone per cominciare a salire verso destra (SO) il successivo costone, poi gli ampi dossi fin quasi alla capanna di Goretta (2137 m), posta alla base di un ripido pendio. Da qui si volge a sinistra e in mezzacosta si giunge nella conca che si apre a monte della gorgia del Rio Bail. A questo punto, la via normale proseuge verso S nella conca rinserrata tra due contrafforti posti a NE della cima, mentre sulla destra è visibile l'ampio conoide NE (150 m 30/35°), scendente a destra di un evidente triangolo roccioso. Risalito il canale, si esce sul fondo della conca sospesa che sale parallela alla cresta N del Pe de Jun, dall'aspetto seghettato detta “Denti del Camoscio”. Risalendo dossi e dune nevose in direzione S, si raggiunge il ripiano a quota 2640 ca, ricongiungendosi con la via normale proveniente da sinistra, alla base del ripido pendio finale che si risale al meglio delle condizioni (picca e ramponi). Panorama esteso sulle Marittime, Ecrins, Ubaye, passando per l'Oronaye, limitato a sud dall'Enciastraie.

Discesa dallo stesso itinerario oppure dalla via normale.

Via normale: dalla conca a monte della gorgia del Rio Bail, si sale a S nella conca rinserrata tra due contrafforti posti a NE della cima fino a circa 2400 m, dove il terreno si fa più ripido. Si piega a sinistra (E) per raggiungere la cresta del contrafforte di sinistra e si risale la cresta (eventuali cornici), sino ad un ripiano a 2640 m ca, giungendo alla base del ripido pendio terminale che si risale al meglio delle condizioni.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale