Sentieri Resistenti Tappa 4: da Traves a Viù

sentiero tipo,n°,segnavia: salita e discesa
difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 632
quota vetta/quota massima (m): 1388
dislivello salita totale (m): 756

copertura rete mobile
no operato : 0% di copertura

contributors: gulliver

vedi anche: http://www.sentieriresistenti.org/

note tecniche:
La tappa conduce dalla bassa valle dello Stura di Lanzo alla bassa val di Viù.

descrizione itinerario:
Dalla piazza di Traves (località Villa), seguite le indicazioni stradali per le frazioni André e Bertolé. Continuate fino al bivio tra via Malerba e via Fontana, poi percorrete quest’ultima fino a che trovate, sulla destra, una bacheca in legno con un pannello dedicato ai Sentieri della Libertà.
Lasciate la strada asfaltata e incamminatevi per la stradina erbosa che sale a destra.
Dopo un breve tratto, vicino a una costruzione in legno, il percorso passa su mulattiera, s’inoltra in un bosco di latifoglie e prende a costeggiare un canale.
Oltrepassate le ultime abitazioni, raggiungete rapidamente il colle Colmet (m. 717), caratterizzato da un’edicola votiva, da un’area attrezzata e da un casolare, poi continuate a seguire il canale addentrandovi verso ovest nel vallone del rio Ordagna, che scorre a sinistra rispetto al vostro senso di marcia. Con percorso in falsopiano, salite alle case Figiai (m. 750).
Trascurando la deviazione verso pian Bracon e mantenendovi nel vallone, abbandonate il corso del canale e rientrate nel bosco. Continuando in leggera salita lungo l’itinerario # 254, toccate le muande Castagna (m. 736), la borgata Piazzola (m. 762) e la località Combacistel (m. 824).
Quindi attraversate il rio Ordagna e iniziate un’ascesa decisamente più ripida e su un sentiero più stretto, ma ben segnato. Raggiunte le case Bramafam (m. 1095, ore 1 e 40’), dove si trova una bacheca in legno senza pannelli, risalite la dorsale coperta di rada vegetazione fino al colle di Pra’ Lorenzo, indicato da un cartello (m. 1388, ore 2 e 30’).
Evitando di dirigervi verso destra e salire così l’Uja di Calcante, iniziate invece la discesa verso Viù. Lungo il percorso, ad un bivio trascurate l’itinerario n. 135 e proseguite su sentiero fino alla frazione Salvagnengo.
Per una stradina asfaltata, continuate a scendere toccando vari gruppi di abitazioni fino a che pervenite alla frazione Oldri.
Alla confluenza nella strada provinciale # 32, seguite quest’ultima in salita verso destra e, in breve, raggiungete il centro di Viù (ore 4).