Mares (Cima) da Giaudrone e l'Alpe Monsuffietto e le Rocche di San Martino

difficoltà: E   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 600
quota vetta/quota massima (m): 1654
dislivello salita totale (m): 1100

copertura rete mobile
vodafone : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: erba olina
ultima revisione: 28/01/10

località partenza: Giaudrone (Cuorgnè , TO )

punti appoggio: Rifugio San Bernardo di Mares

cartografia: Igc 1:50.000 n. 21 Il Canavese

bibliografia: F. Chiaretta - I più bei sentieri segnalati della Provincia di Torino - ed. Blu

accesso:
Entrando in Cuorgnè sulla SS 460, appena superato il cavalcavia della ferrovia, si svolta a sinistra per Alpette - Belmonte. Subito dopo si svolta a destra passando per la zona residenziale di Cuorgnè. Si continua sulla strada principale fino a raggiungere una curva a sinistra (cartello per Belmonte) dove occorre lasciare la strada da cui si proviene e proseguire diritto per Alpette.
Si prosegue per circa 1 km compiendo alcuni tornanti e al secondo tornante a destra, si segue l'indicazione a sinistra per "Ronchi". Si attraversano così alcune frazioni di Cuorgnè fino ad arrivare alla località Giaudrone.
Dal cartello che indica la località si continua ancora per pochi metri sino ad un piccola piazzola erbosa presso un tornante a sinistra dove si trova la freccia in legno che indica la partenza del sentiero n. 406.

note tecniche:
Percorso consigliabile rispetto a quelli che salgono dal versante di Alpette o dalla frazione Carella di Pratiglione.
Il dislivello tiene conto delle brevi risalite

descrizione itinerario:
Lasciata l'auto si segue il viottolo che, passando vicino ad alcune case ed a una costruzione dell'acquedotto, in breve arriva ad un trivio fra due piloni votivi, dove si prosegue diritto (cartelli). La mulattiera, fiancheggiata da muretti a secco, prosegue nel bosco toccando un altro pilone votivo. Si continua fra alberi di castagno e faggio sino a raggiungere un punto in cui il percorso si alza abbastanza bruscamente a destra (prestare attenzione ai segnavia) per poi riportarsi sulla mulattiera.
Si attraversa poi un tratto di bosco con alberi carbonizzati da un incendio e, sempre salendo con andamento in diagonale, si arriva ad un'area picnic, dove il sentiero si congiunge con la strada sterrata che sale dalla frazione Nero di Alpette (cartelli), sulla quale occorre proseguire.
Si raggiunge così l'Alpe Monsuffietto, si oltrepassa una seconda baita ed in prossimità di una vasca dell'acquedotto, si volge a sinistra (cartello MTB).
Il sentiero si biforca quasi subito e ci si tiene sulla destra, salendo in mezzo al bosco di betulle. Usciti dal bosco su un pianeggiante costone erboso, si continua in ripida salita e si attraversa un altro tratto di bosco.
Qui il sentiero va verso sinistra, in leggera salita a mezza costa (direzione sud-ovest) e sbuca su un altro costone dal quale si scorge il monte Soglio e la bianca costruzione della chiesa di san Bernardo di Mares.
Volgendo verso destra, si passa sotto un caratteristico roccione, sotto il quale vi è una Madonnina posta dal Club Alpinistico Cuorgnatese nel 1954, ed in breve si giunge ad una sella erbosa (cartello "Rocche di San Martino" - indicazioni per "Mares").
Volendo raggiungere la sommità delle Rocche di San Martino (m.1451), si prosegue per pochi metri sulla destra. Svoltando invece a sinistra e seguendo le indicazioni per Mares, si risale il costone erboso aggirando poi alcune roccette sul versante di Alpette e si giunge al colle "Bassa di Mares" dove il sentiero 406 si congiunge con il sentiero 501 che sale dalla frazione Balmassa di Alpette (cartelli).
A questo punto si può proseguire fino alla chiesa di San Bernardo e poi, girando a destra, raggiungere Cima Mares per tracce, oppure salire direttamente dalla Bassa di Mares, abbandonando a sinistra il sentiero 406 poco prima dell'Alpe diroccata la Bassa e seguendo una traccia segnalata da vecchi bolli rossi che si tiene inizialmente a sinistra della dorsale e poi prosegue sulla dorsale fino alla cima.


Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Mares (Cima) da Giaudrone e l'Alpe Monsuffietto e le Rocche di San Martino - (0 km)
Monsuffietto (Alpe) da Giaudrone per il Sentiero del Gallo - (0.1 km)
Mares (Cima) anello da Trione per le Rocche di San Martino - (0.3 km)
Milani (Santuario dei) da Ricauda per il Sentiero del Gallo - (0.8 km)
Croce Merlet (Regione) Anello per il Sentiero del Gallo e la Madonna del Bioletto - (0.8 km)
Canavetta (Monte) o Canauftà da Ricauda - (0.8 km)
Monsuffietto (Alpe) da Cuorgnè, anello - (1 km)
Soglio (Monte) da Cuorgnè per San Bernardo - (1 km)
San Martino (Rocche di) da San Colombano - (1.5 km)
Mares (Cima) da Cuorgnè per San Bernardo - (1.6 km)
Belice (Capella di) da Voira - (1.6 km)
Belmonte (Santuario di) da Cuorgné per Santa Lucia - (1.6 km)
Frata (Truch d'la) e Borgo di Uvera da Voira - (1.6 km)
Tre Denti o Denti della Quinzeina da Cuorgnè - (1.7 km)
Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) da Salto - (1.7 km)
Bellavarda (Uja di) Traversata di cresta da Cuorgnè a Vonzo - (1.8 km)
Quinzeina o Quinseina (Punta Nord e Sud) da Voira - (2 km)
Madonna del Bellosguardo (Cappella) da Voira, anello per il Santuario di Belice - (2 km)
Mares (Cima) da Argentere - (2.1 km)
Santa Elisabetta (Santuario di) da Priacco, anello - (2.2 km)
Quinzeina o Quinseina (Punta Sud) dalla Cappella di Belice - (3 km)
Mungel (Colle di Pian) da Pian Giacolin, Anello - (3 km)
Mares (Cima) da Nero, anello - (3.1 km)
Confier (Pian) da Doblazio per Frassinetto e discesa per Navetta - (3.2 km)
Mares (Cima) da Canischio, anello per le Rocche di San Martino - (3.3 km)