Val Pujer (Placche della) Senza perdere la tenerezza

L'itinerario

difficoltà: 6a+ / 5c obbl
esposizione arrampicata: Sud
quota base arrampicata (m): 500
sviluppo arrampicata (m): 450
dislivello avvicinamento (m): 350

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: sergente hartman
ultima revisione: 14/03/09

località partenza: Campeglia (Crevoladossola , VB )

punti appoggio: Crevoladossola

bibliografia: Ossolaclimbing - http://ossolaclimbing.org/node/229

note tecniche:
Itinerario non difficile ma mai banale; arrampicata sempre tecnica e delicata con una chiodatura a volte un pò verdoniana; via di pura aderenza. Spit inox 10 mm da integrare;
L1:5b
L2:5c
L3:5b
L4:5c
L5:5b
L6:5b
L7:6a+
L8:5a
L9:4c

descrizione itinerario:
Bella via di placca che inseguendo fessure e vene di quarzo.
Molto caratteristici ed entusiasmanti i tiri centrali. L’arrampicata è sempre tecnica e di precisione, con tiri molto lunghi dove è richiesta anche una buona padronanza del grado obbligato e nel posizionamento della protezioni veloci. La roccia è uno gneiss caratterizzato da intrusioni di quarzo e inaspettate fessure.

Dalla statale 33 uscire a Crevoladossola e seguire le indicazione per la vecchia strada del Sempione. Dopo una ripida salita, in prossimità di una curva a gomito lastricata a pave con a fianco un cimitero, non entrare in centro a Crevola ma proseguire per circa 1 km lungo la sp 166, superando sulla destra le cave di marmo bianco di Crevola, fino ad incontrare sulla sinistra un vecchio nucleo di baite, la frazione Campeglia, dove si posteggia a bordo strada (circa 200 metri prima del cartello che indica la fine del comune di Crevoladossola)

Inoltrarsi tra le baite e scendere fino ai resti del vecchio ponte (buone possibilità per il guado del Divedro). Giunti sull’altra sponda piegare a sinistra fino a incontrare una vecchia strada di cava che si segue. Dopo poche centinaia di metri si prende a destra arrivando ad un ponte con ringhiera verde che scavalca l’alveo artificiale che scende dalla valle e che è già ben visibile dal parcheggio. Qui abbandonare la strada, salendo sul muraglione destro(faccia a monte) grazie alla ringhiera e risalire il fiume fino a quando un muro in cemento armato ostruisce il passaggio.
Girare a destra e proseguire in falso piano in un bel bosco di castagni fino a giungere ad un colletto, dove svoltando a sinistra si inizia a salire per una evidente traccia.

Superata una baita isolata il percorso si fa più ripido fino a sbucare ad un pianoro con una grossa pietraia. Tenendo lievemente la sinistra si segue ancora il sentiero che si inoltra ora tra i blocchi. Dopo qualche centinaio di metri, quando il sentiero rientra nel bosco (in prossimità di un grosso ometto) abbandonarlo e seguire una traccia verso destra che in breve tempo conduce sotto le placche. La prima via che si incontra (fix oro) è Straordinari non retribuiti, proseguendo per altri 30 metri, in una zona di colore verde con dei lastroni di roccia appoggiati alla parete, attacca Senza perdere la tenerezza. (Dall’auto circa 1 ora e ometti su tutto il tracciato)

Attenzione! In caso di piena del fiume, posteggiare l’auto nei pressi di una vecchia baita isolata sulla sinistra (in prossimità di una curva prima di una cartello pubblicitario Coop) circa 300 metri prima dell’avvicinamento sopra descritto. Scendere fino ad un vecchio ponte sospeso ed oltrepassarlo. (Buona fortuna!) Girare a destra costeggiando la ferrovia e uno stabile abbandonato fino ad un bivio dove si prosegue diritto. Si è così all’alveo artificiale. Il ponte è in pessimo stato e i cartelli di divieto sono molto evidenti. Fate attenzione!
Discesa in corda doppia sulla via (mezze corde da 60 metri)
ultima sosta con catena su betulla.