Genevris (Monte) da Gran Villard

tipo itinerario: bosco rado
difficoltà: BS :: [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord-Ovest
quota partenza (m): 1509
quota vetta/quota massima (m): 2536
dislivello totale (m): 1027

copertura rete mobile
tim : 80% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: wuolz silviotos
ultima revisione: 29/03/16

località partenza: Gran Villard (Sauze d'Oulx , TO )

cartografia: IGC 1 valli di susa chisone e germanasca

accesso:
A seconda dell'innevamento possibile partire da Grand Villard 1500 o dal bivio Richardette/Istituto Zootecnico 1800 (oppure appena sotto Richardette 1700m). I 2 itinerari si ricongiungono a quota 2200 all'altezza del vecchio impianto dismesso sotto il bunker di destra.
1) Quando si giunge a Sauze d'oulx, dopo il distributore svoltare a sinistra per raggiungere la località Gran Villar. Lasciare la macchina al laghetto dove d'inverno è aperto il pattinaggio.
2) non girare a sin e salire diritto vs l'Istituto Zootecnico, superato Richardette continuare per diversi tornanti, parcheggiare sull'ultimo prima dell' Istituto, dove a destra parte la sterrata per il Belvedere (e l'Assietta)

descrizione itinerario:
Possibilità 1)
Salire dopo l'ultimo condominio (IL Laghetto) sulla strada seguendo il percorso per le racchette da neve fino alle case diroccate "Soubeiran" 1670m. Proseguire seguendo il sentiero n°1 verso l'Enfern, fino a giungere sulla strada del Gran Bosco. Seguire la strada fino alla sbarra che delimita il parco e piegare verso destra. Continuare salendo nel bosco fino ad incontrare la strada che dall'alpeggio delle Laune va a Ferro di Cavallo.
Non seguire la strada ma continuare nel bosco fino a quando si dirada e si trasforma in cresta. Quando si intravede la cresta, non lasciarsi fregare nel continuare a salire, perchè diventa difficile e inagibile con gli sci, piegare a sinistra in un valloncello.
Visto che il valloncello è pianeggiante, cercare di fare una traccia in maniera da non dover spingere troppo durante il rientro facendo attenzione alle condizioni dei pendii che provengono dalla cresta a sinistra.
Quando ci si ritrova nei pendii sotto la vetta le soluzioni sono due: la prima, con neve sicura diretti per i pendii alla vetta, la seconda, seguire una dorsale sulla destra che aggira i pendii, offrendo più sicurezza.

L'itinerario 2)
da Belvedere 1900m si ricongiunge a quota 2100 con quello descritto.
Riferimenti: Belvedere, vecchio impianto 2100m , bunkers a 2300m, cresta sud-ovest o pendio ovest diretto (solo con neve sicura)