Clot (Pointe du) q. 2701 a nord da Bramans

tipo itinerario: bosco fitto
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Nord
quota partenza (m): 1250
quota vetta/quota massima (m): 2701
dislivello totale (m): 1451

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: mountain
ultima revisione: 27/12/08

località partenza: Bramans (Bramans , 73 )

punti appoggio: Gites a Bramans e Aussois

cartografia: IGN 1:25.000

note tecniche:
La quota 2701 è situata alla testata nord della costiera dividente i valloni di Bramanette e d’Etache.
Gita tipicamente invernale che data l’esposizione sempre in ombra conserva a lungo neve farinosa; itinerario nel bosco ma alquanto agevole per i diversi corridoi e canaletti sfruttabili, anche se alquanto pendenti; in caso di difficoltà è comodamente percorribile la stradina forestale.
Fino alla quota 2.500 è una gita sicura; per proseguire occorre valutare molto bene le condizioni.

descrizione itinerario:
Dalle case di Bramans salire a fianco del piccolo skilift verso il casotto Baraque des Douaniers ed imboccare il sentiero che passa subito dietro, transitare al pilone Saint Bernard, attraversare la passerella e raggiungere la strada per le Planay e Vallone d'Ambin nei pressi di un grosso traliccio vicino ad un casotto (a volte nell’ultimo tratto il sentiero è riempito da accumuli di blocchi di neve scaricati dagli spalaneve).
Iniziare a salire sui pendii aperti sotto la grossa linea elettrica giungendo al bel ripiano Plan Clote, salire direttamente e raggiungere una strada forestale che sale nel bosco.
Proseguire sul sentiero molto ben segnalato per il Refuge de Bramanette, che taglia direttamente in molti punti la strada forestale.
Quando il sentiero si inoltra in piano sull’altro versante (a destra - ovest) verso il Vallon de Bramanette, abbandonarlo e continuare la salita su ampie radure senza percorso obbligato; passare ad un casotto dei guardaparco e proseguire su terreno che man mano si raddrizza riducendosi a dorsale fino a raggiungere le prime roccette. Aggirarle inizialmente a sinistra e quindi riportarsi su una specie di crestina raggiungendo un dosso a quota 2.500 circa.
Fino a questo punto il percorso è ampiamente sicuro; per proseguire occorre valutare molto bene le condizioni; si continua tenendo prioritariamente la dorsale che presenta diverse roccette da aggirare sull’uno o l’altro versante fino a giungere alla piccola sommità alla quota 2.701 sulla cresta Nord della Pointe du Clot.
Discesa sull'itinerario di salita ma comunque nel bosco senza percorso obbligato, scegliendosi i vari corridoi alquanto aperti, con alcuni canaletti anche ben sostenuti; nei brevi tratti di bosco fitto seguire la stradina.