Croce (Pizzo della) da Casasco

L'itinerario

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: MS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Est
quota partenza (m): 950
quota vetta/quota massima (m): 1491
dislivello totale (m): 540

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: sergio meroni
ultima revisione: 18/02/10

località partenza: Un poco più a monte di Casasco (Casasco d'Intelvi , CO )

punti appoggio: in valle

cartografia: Documentazione Top. Cartina Kompass.n. 91 – Cart. Comunità Montana 1: 35.000 ( Alto Lario Occidentale)

note tecniche:
Con questa escursione scialpinistica sulla cima del Pizzo della Croce, si ha la possibilità di osservare da uno splendido punto panoramico tutta la Val d’Intelvi e non solo. Una buona opportunità per visualizzare la morfologia della valle con tutte le possibili variazioni che offre non solo per lo scialpinismo, a dire il vero, scarsa sotto questo aspetto, ma splendida per chi desidera avventurarsi in escursionismo o con la mountainbike. In Valle Intelvi, superbi panorami e scorci incantevoli sul lago sono scenari che no si possono evitare di cercare e vedere.

descrizione itinerario:
Si segue la stradina e la mulattiera solo per un brevissimo tratto, poi si piega a destra (segnali sulla palina) Orimento - Rif. Giuseppe e Bruno e per un pendio prativo si comincia a salire con logica verso il rifugio.
Giunti nei pressi del rifugio, proseguire verso la cima è molto più semplice.
Restando sulla dorsale e proseguendo in direzione Sud, si sale idealmente verso la cima mantenendosi sul margine del bosco, fino ad incontrare sulla sinistra, il largo sentiero che si addentra diagonalmente nel bosco di noccioli un poco più a monte del rifugio. Senza mai abbandonarlo si compie così un bellissimo traverso che con forte innevamento ci consente di passare idealmente in un tunnel innevato, grazie alla curvatura e al ripiegamento degl’esili rami dei noccioli.
Alla fine del traverso, giunti nei pressi di un culmine contrassegnato da una croce, proseguire verso la cima è quanto di più facile e semplice si possa immaginare. Lungo una ampia dorsale, panoramicamente splendida arrivare alla metà è fantastico.
Discesa.
Con logica, non si ritorna per il tracciato di salita, ma si scende a valle lungo l’ampia dorsale, che grazie alla buona esposizione, molto spesso dopo una abbondante nevicata consente una discesa veramente divertente.
Dislivello salita e discesa m. 540
Ore 1,45 / 2 alla cima.