Bocciarda (Monte) da Sagna

L'itinerario

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Est
quota partenza (m): 986
quota vetta/quota massima (m): 2201
dislivello salita totale (m): 1215

copertura rete mobile
vodafone : 60% di copertura

contributors: pulici marcog72
ultima revisione: 24/11/14

località partenza: Sagna (Perosa Argentina , TO )

punti appoggio: nessuno

cartografia: Fraternali 1:25.000 Val Germanasca Val Chisone

bibliografia: Avondo - In Cima - Cozie Centrali it. 4.19

accesso:
Dalla piazza centrale di Perosa Argentina (mercato la domenica) imboccare la strada che parte perpendicolare alla statale e sale costeggiando un rio. Seguirla trascurando le deviazioni fino al bivio per Ciampiano sulla dx. Piegare a sx, attraversare il rio e subito imboccare la strada a a dx (indicazioni per Sagna, Bressi, ecc.). Poco dopo la stada diventa sterrata. Seguirla fino al suo termine, località Serre la Croce(quotata ma non nominata, piazzola da dove iniziano due piste forestali chiuse al transito).

note tecniche:
Nell'estate 2014 il sentiero è stato risistemato e segnalato con segni bianchi e rossi di vernice che lo rendono ben evidente, sia in salita che in discesa, anche in condizioni di scarsa visibilità.

descrizione itinerario:
Seguire la pista che si inoltra nel vallone (sbarra arancione) per circa 300/400m, quindi prendere una bella mulattiera (indicazione Bocciarda su un masso) a dx all'altezza della fontana degli alpini (acqua ottima). Seguirla sempre (tacche rosse) fino a guadare in successione 2 torrenti (il secondo con bellissime cascatelle in alto e lastronate lisce in basso) in leggera esposizione. Da qui cominciare una strenua salita per sentiero non sempre visibile e ripidissimo, per circa 700m di dislivello (tacche rosse per lo più scolorite). Non seguire eventuali tracce laterali per risalire sempre direttamente con stretti tornanti mantenendosi sul ciglio del costone. Giunti ad una bastionata rocciosa girare a dx e salirla direttamente per cengette anch'esse un pochino esposte. Pervenire ad un ripiano più appiattito quindi con altre risvolte al bordo delle rocce sommitali guadagnare la cresta SE con un diagonale verso sx salendo. Seguire per breve tratto la cresta quindi il sentiero taglia a mezzacosta verso N, attraversa un canalino franoso e porta in vista della conca sospesa fra la Curbasiri e la Bocciarda. Qui abbandonarlo e per comodi pratoni puntare direttamente alla croce di vetta e la sagoma di alpino col mitra. Vera vetta 20/30 m dopo (omettone di sassi) dove la cresta si abbassa nettamente.