Prena (Monte) Via Brancadoro

difficoltà: PD-   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: annibale
ultima revisione: 24/09/09

note tecniche:
Parcheggio al 1° tornante della strada della miniera sotto il Camicia.

descrizione itinerario:
Dal Parking seguire il sentiero che costeggia verso la Fornaca,l'attraversa e risale alla larga sella tra Prena e Veticole (q.1970)
Da qui si risale verso il Prena seguendo ometti,finchè non si raggiunge l’attacco caratterizzato da una targa in marmo che indica l’inizio della “Via Adelelmo Brancadoro”.
Il percorso, molto ben segnato per tutta la sua lunghezza, si svolge su un articolato crestone tra guglie e pinnacoli di roccia.
Il primo tratto non presenta particolari problemi, si tratta solo di un sentiero a tratti su sfasciumi e qualche banale roccetta di difficolta’ non classificabile.
Piu’ in alto, obliquando verso sinistra, si incontra il primo dei tre punti che richiedono un maggior impegno.
Si tratta di un canale-camino di 80 metri con passaggi di I e II grado non particolarmente difficile e assolutamente non esposto.
Il secondo punto di un certo impegno e’ piu’ insidioso in quanto bisogna aggirare sulla destra un saltino di roccia per una placchetta piuttosto esposta e percio’ pericolosa (II grado e un passo di III). Una volta era presente una corda di plastica (che probabilmente doveva servire da aiuto per la progressione piu’ che come assicurazione) di cui noi ora non c'è traccia. Consigliabile comunque portare uno spezzone di corda se non altro per assicurare i meno esperti.
Ancora piu’ in alto si incontra il terzo ed ultimo passaggio impegnativo. E’ una paretina di dieci metri con passaggi di II grado.
Al termine e’ possibile traversare 2 metri a destra su una cengetta brecciosa assai esposta (sconsigliabile se non si e’ assicurati) oppure continuare diritti per superare l’ultimo impegnativo passaggio (III grado, e’ presente una sosta per eventuali discese in corda doppia).
Qui hanno termine le difficolta’ vere e proprie ed in breve si raggiunge una forcella dove arriva anche la Via dei Laghetti (2385 m).
Si sale ancora obliquando progressivamente verso sinistra per faticose ghiaie e sfasciumi vari e finalmente si è in vetta (2561 m).
Discesa per la via normale.