Marguareis (Punta) Via Del Canale Nero ( Via Gandolfi - Gattai)

difficoltà: 4 / 4 obbl
esposizione arrampicata: Nord
quota base arrampicata (m): 2300
sviluppo arrampicata (m): 300
dislivello avvicinamento (m): 1300

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: gianfri49
ultima revisione: 01/03/10

località partenza: Pian delle Gorre (Chiusa di Pesio , CN )

punti appoggio: Rifugio Garelli

bibliografia: Guida dei monti d'Italia - ALPI LIGURI

note tecniche:
Può sembrare paradossale, in tempi di vie moderne a spit di n-esimo grado proporre un itinerario storico del 1903, ma talvolta anche i rocciatori più evoluti, abituati a danzare in punta di piedi stringendo tacche microscopiche, possono sentire la nostalgia di una bela avventura in territorio selvaggio, calandosi per qualche ora nell'atmosfera dell'alpinismo arcaico. E' per questo che proponiamo questa scalata; si tratta di una via richiodata, per quanto riguarda le soste, nell'ambito del progetto "Restyling" che ha interessato molte classiche del Marguareis.
Cenni generali: Partendo da Pian delle Gorre contare circa 2,30 ore di avvicinamento. Dal Garelli è sufficiente 1, 30 ore. La via ha tutte le soste attrezzate con due fix + aneli. Necessario qualche friends, perchè sui passaggi non si trovano chiodi.
La roccia richiede molta attenzione nei tratti facili, ma è buona nei passi più impegnativi

descrizione itinerario:
Dal laghetto del Marguareis si risale il Canalone dei genovesi ( stando prevalentemente sulla sinistra), fin a 50 metri oltre la cengia Garibaldi. Un'altra cengia più stretta va verso sinistra. La prima sosta si trova sulla cengia, 10 m a sinistra del canale: 1 fix con cordino.
1) Si percorre la cengia per 50 m, su placche e qualche detrito ;
1 spit, I-II, sosta con due fix in una nicchia.
2) Si va ancora a sinistra per 10 m, poi si risalgono alcuni lastroni che portano al canale nero. Qualche masso instabile, 50 m III. Sossta un po' a sinistra con due aneli.
3) Si va a destra lungo il canale e si supera un diedrino verticale ( IV), per entrare successivamente in un canale detritico. 40 m, due anelli sulla parete destra del canale.
4) Si rimonta il canale, che alterna tratti detritici con divertenti salti, fino ad una cengia. 50 m, III, 2 anelli di sosta.
5) Si traversa facilmente tutta la cengia a destra. Sosta presso grosse lame, 2 anelli.
6) Si sale diagonalmente a destra, si cala qualche metro e si prosegue sulla cengia. 40 m, esposto, passaggi di III.
6) Si continua su cengia in diagonale a destra. Molto esposto ma facile, 50 m, II. Si esce a circa 60 metri a destra della croce di vetta.

Novità! I preferiti

Aggiungete con un clic sul cuoricino bianco l'itinerario ai vostri preferiti. Li ritroverete tutti nella vostra pagina personale