Clapier (Monte) da San Giacomo per il Rifugio Pagarì

difficoltà: EE   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Varie
quota partenza (m): 1213
quota vetta/quota massima (m): 3045
dislivello salita totale (m): 1950

copertura rete mobile
vodafone : 13% di copertura
tim : 0% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: pr18 ryoma75 Andrea81
ultima revisione: 08/08/15

località partenza: San Giacomo di Entracque (Entracque , CN )

punti appoggio: Rifugio Federici-Marchesini al Pagarì 2650 ,

cartografia: Carta IGC n°113 1:25.000

bibliografia: Vette delle Alpi di A. Parodi

accesso:
Da Borgo San Dalmazzo si prosegue per la Valle Gesso fino a Valdieri, dove a sinistra si incontra il bivio per Entracque. Senza entrare nel paese si continua per la Diga della Piastra e si seguono indicazioni per San Giacomo, dove si posteggia al termine della strada negli ampi piazzali.

note tecniche:
Itinerario molto lungo sia come dislivello (complessivamente si raggiungono i 2000 m) che come distanza, 30 km a/r.
Per effettuarlo in giornata occorre un buon allenamento, altrimenti è consigliabile pernottare all'ottimo Rifugio Pagarì.
A inizio stagione è facile trovare innevato il tratto che dal rifugio porta al Passo Pagarì e poi ancora parte del pendio per arrivare in cima; necessari piccozza e ramponi.

descrizione itinerario:
Si attraversa il ponte di San Giacomo di Entracque dirigendosi verso la ex palazzina di caccia, oltre la quale inizia una bella strada sterrata nel fitto bosco (ci sono diverse possibilità di tagliare i tornanti) per poi continuare fino al Pian del Rasur, dove gioco forza bisogna seguire la sterrata fino al ponte al termine del pianoro. Inizia qui la lenta e lunga salita al Rifugio Pagarì, su ottimo sentiero dalla pendenza moderata e infiniti tornantini senza possibilità di scorciatoie vista la natura del terreno; si supera il caratteristico Passo del Muraion dopo il quale il terreno diventa più dolce ed aperto, e si prosegue la salita fra rocce montonate e prati. Superato il Gias de Muraion invece il sentiero inizia a risalire il dosso in cima al quale sorge il Rifugio Pagarè con una incredibile serie di serpentine, che offrono parecchie scorciatoie. Si giunge così al Rifugio Federici-Marchesini al Pagarì 2650 m.
Si prosegue lungo il sentiero a sinistra del rifugio, ora per pietraia verso il Passo Pagarì. Si supera una breve fascia rocciosa che richiede talvolta l'uso delle mani (attenzione con terreno ghiacciato o verglassato), e poi per terreno più agevole si perviene al Passo Pagarì 2819 m.
Dal passo la via classica escursionistica prosegue scendendo lungo il sentiero per il Rifugio Nizza, per circa 130-140 m di dislivello; quando si raggiunge il primo piccolo ripiano, si nota una serie di ometti che indica una traccia sulla sinistra, proprio in direzione della cima del Clapier. Il percorso si snoda in una vasta pietraia facilmente percorribile, conviene seguire gli ometti che si vedono più in alto sulla sinistra, dove il percorso è più agevole. Raggiunta la base del pendio ovest del Clapier, si sale superando un paio brevi di canalini di roccette (semplicissimi con terreno asciutto, un po' più delicati con neve o ghiaccio). Superati questi ostacoli si accede ad un terrazzo all'inizio della pietraia superiore, ormai a 100 m di dislivello dalla cima. Seguendo i numerosi ometti e le varie tracce di sentiero ci si sposta nel pieno versante sud, e quindi si raggiunge con estrema facilità la cima.
In discesa occorre prestare attenzione a ripercorrere lo stesso itinerario, evitando di seguire gli ometti più bassi che conducono al Rifugio Nizza.

Variante più difficile (F): percorso più diretto e aereo presso il valico in corrispondenza di un grosso ometto in pietra si sale a sinistra seguendo una mulattiera in parte franata fino ad un evidente trinceramento in pietra, da qui si prosegue per tracce di sentiero (presenti alcuni ometti in pietra) per una cengia stretta ed esposta (da evitare se innevata) discendente verso sinistra, che taglia la sottostante bastionata rocciosa, sino alla grande pietraia alla base del Monte Clapier collegandosi con l'itinerario classico.


Itinerari nei dintorni (Anche altre attività)

Aiera (Monte) da S. Giacomo di Entracque - (0 km)
Laura (Cima) da San Giacomo di Entracque - (0 km)
Cusset (Serra) Anello San Giacomo, Rifugio Soria, Lago della Maura - (0 km)
Valletta Grande (Cima) da San Giacomo , anello per il Colle Vei del Bouc, Cima Valletta Piccola e Passo Carbonè - (0 km)
Pagarì (Cima) da San Giacomo d'Entracque per il passo Pagarì - (0 km)
Clapier (Monte) da San Giacomo per il Rifugio Pagarì - (0 km)
Argentera (Giro dell') da San Giacomo d'Entracque (7 gg) - (0 km)
Pagarì (Rifugio) da San Giacomo di Entracque - (0 km)
Fenestrelle (Punta) da S.Giacomo di Entracque - (0 km)
Moncalieri (Bivacco) da S. Giacomo di Entracque, anello per il Rifugio Pagarì - (0 km)
Finestra (Cima ovest di) da San Giacomo di Entracque, via normale - (0 km)
Soria Ellena (Rifugio) da S.Giacomo - (0 km)
Rasur (Prà del) da S.Giacomo di Entracque - (0.1 km)
Gelas (Balcone del) da San Giacomo di Entraque, giro del Gelas (3 gg) - (0.1 km)
Fenestrelle (Colle di) da San Giacomo di Entraque - (0.1 km)
Federici Marchesini al Pagarì (Rifugio) da San Giacomo, anello per il Lago Bianco del Gelas - (0.1 km)
Scandeiera (Cima) da San Giacomo - (0.1 km)
Vej del Bouc (Col) da San Giacomo, anello per il del Lago dell'Agnel e Colle del Sabbione - (0.1 km)
Agnel (Cime de l', Est e Ovest) e Cima di Vernasca da San Giacomo, anello per Passo dell'Agnel e Colle del Vei del Bouc - (0.1 km)
Maura (Lago della) da San Giacomo - (0.1 km)
Vej del Bouc (Lago) da San Giacomo di Entraque - (0.1 km)
Tor (Cima del) da San Giacomo per Lago del Vei del Bouc - (0.1 km)
Pagarì (Passo) giro di Maledia e Gelas da San Giacomo (2 gg) - (0.2 km)
Maledia (Passo della) da San Giacomo, giro della Maledia e dei Gelas (2 gg) - (0.4 km)
Vej del Bouc (Colle) da San Giacomo - (0.8 km)