Rastcias (Monte) da Fracchie

tipo itinerario: pendii ampi
difficoltà: BS   [scala difficoltà]
esposizione preval. in discesa: Sud-Est
quota partenza (m): 1075
quota vetta/quota massima (m): 2404
dislivello totale (m): 1329

copertura rete mobile
wind : 0% di copertura
vodafone : 40% di copertura
tim : 70% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: robi Andrea81
ultima revisione: 28/01/10

località partenza: Fracchie (San Damiano Macra , CN )

bibliografia: J. Charles Campana. Blu. Dal colle della Maddalena al Moniviso. N°42

accesso:
Da Dronero si risale la Val Maira, fino a San Damiano Macra, che si attraversa e poco prima del termine dell'abitato, si incontra una strada che sale sulla destra (non molto evidente) e conduce a Paglieres e ad altre frazioni. La si segue per alcuni km fino ad un bivio sulla sinistra, nei pressi di un pilone votivo. Si scende brevemente e poi si sale per la strada senza possibilità di errore, raggiungendo un tornante con diversi posti auto, dove ha inizio il vallone di Droneretto. In caso di assenza di posto, si può proseguire sulla strada per Fracchie che diventa sterrata e poco oltre si allarga, altri posti auto.

note tecniche:
Itinerario in piena esposizione sud, in caso di abbondanti nevicate occorre valutare i pendii che si risalgono, specialmente sotto le Rocce Agnelliera, e il pendio diretto sotto la cima. L'itinerario si svolge nella seconda parte su pendii a tratti anche sostenuti.

descrizione itinerario:
Dal prima di Fracchie, si segue la stradina sterrata che si addentra nel vallone di Droneretto. Si trascura una diramazione secondaria sulla destra proseguendo sempre nel vallone, con strada sempre ampia e alcune radure più aperte.
Dopo circa 30-40' si arriva nei pressi di alcuni ruderi, che si lasciano sulla destra, e poco oltre ha origine una piccola conca. Qui la strada continua compiendo qualche tornante, ma la si può abbandonare continuando con percorso diretto infilandosi nella valletta a sinistra, che poco sopra si apre lasciando spazio ad un vallone più ampio sotto le Rocche Agnelliera.
Da qui in avanti si sale senza percorso obbligato, per pendii sempre più ampi e di moderata pendenza (valutare la stabilità del manto nei punti più critici) che con salita sempre costante portano all'insellatura del Colle Agnelliera.
Con percorso più ripido e diretto, si può scegliere di salire marcatamente il pendio più a sinistra (si possono notare diversi massi) che conduce direttamente in vetta. Altrimenti dal colle Agnelliera si risale l'ampio-pendio dorsale di destra (esposto a sud-ovest), sempre di buona pendenza, raggiungendo l'anticima; da qui con percorso pianeggiante sulla comoda cresta (attenzione alle grosse cornici sul lato Val Varaita) si giunge alla cima con una croce metallica.
Discesa per uno dei due percorsi possibili.