Averta (Costiera dell') Top Ten

difficoltà: 6a+ / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
sviluppo arrampicata (m): 350

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: bumbumbormida
ultima revisione: 27/08/08

località partenza: Rif. Allievi Bonacossa (Val Masino , SO )

punti appoggio: Rif. Allievi Bonacossa

cartografia: Sciora 1:25000

note tecniche:
Moderna via di placca con i primi due tiri particolarmente selettivi su roccia compatta aperta da L.Maspes e G.Ongaro nel settembre 1997. In seguito le difficoltà calano ma la spittatura continua a richiedere attenzione: si va lunghi ma gli spit sono posizionati in maniera intelligente.

descrizione itinerario:
Avvicinamento: dal parcheggio della Val di Mello per il sentiero di fondovalle fin dopo Cascina Piana. Dopo circa 20 minuti, a sinistra si incontra la deviazione per il rifugio che si raggiunge risalendo la Val di Zocca in circa 2,30/3 ore.
Dal Rifugio Allievi-Bonacossa lungo il Sentiero Roma in direzione Rif. Gianetti, fin sotto l'ultima salita che porta al Passo dell'Averta. Da qui scendere verso la base della parete (40 min dal rifugio).
Itinerario:
L1: Tiro in placca su svasetti per mani e piedi a dx di un diedrino appena accennato con spit via via sempre più lunghi. S1 dritta sotto un tettino. (5c/6a, 50m).
L2: Tiro chiave: superare il tetto sopra la sosta con buone tacche un pò lunghe e ribaltarsi in placca, poi verso sx verso altri due tetti su cui occorre ribaltarsi con movimenti in placca delicati e chiodatura abbastanza severa e un pò expo (utile un friend 0.5 BD) e poi sempre placca fino in sosta (6a+, 45m).
L3: Dritti in placca con ancora qualche passo delicato (5c, 40m).
L4: (5b, 45m).
L5: verso sx (5b, 45m).
L6: verso sx oltre canale erboso e po contornare un diedro e superarne lo spigolo e poi dritti (5c, 45m).
L7: in placca a dx fin sotto strapiombo da superare su buone prese e poi fino ad una buona cengia (6a, 40m).
L8: dalla cengia a sx superare il diedro un pò strapiombante e ribaltarsi sulla placca un pò lichenosa da seguire fino ai blocchi sommitali verso sx (5c, 30m).

Discesa:
in doppia lungo la via (nella prima doppia seguire il filo di cresta poi rientrare alla S7 lungo una cengetta) oppure meglio portarsi le scarpe e a piedi dalla cima sul versante opposto raggiungendo in breve il Passo dell'Averta e il Sentiero Roma che riporta al rifugio (posizionare gli zaini di conseguenza per non dovere tornare all'attacco per riprenderli).