Castelletto o Tofana di Rozes Via GuGu

difficoltà: TD   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud-Ovest
quota partenza (m): 2400
quota vetta (m): 2650
dislivello complessivo (m): 250

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: thebrd
ultima revisione: 24/08/08

località partenza: Ristorante Ra Nona (Cortina d'Ampezzo , BL )

punti appoggio: Passo Falzarego

note tecniche:
Gu Gu è un'altra delle proposte “ampezzane” realizzate da Mario Dibona “Moro” con la sua compagna Gretchen Alexander e l'amico Armando Nascè.
Questa volta la linea corre lungo la parete sud-ovest del Castelletto (Tofana di Rozes) ed ha il passaggio chiave di 6a (superabile in Ao) su una fessura strapiombante a circa metà via.

descrizione itinerario:
DESCRIZIONE:
- Tiro 1: salire (cordino rosso) per parete nera-grigia fino ad una grossa cengia detritica (5+)
- Tiro 2: una fessurina porta sotto ad un piccolo tetto: superarlo e tenersi sulla destra, per evitare 4m di roccia instabile. Proseguire per belle placche leggermente appoggiate (5c)
- Tiro 3: continuare in placca spostandosi sulla sinistra per entrare nel bellissimo diedro (5b)
- Tiro 4: salire lungo il diedro. (nel diedro ci sono alcuni fatiscenti vecchi chiodi e cunei di legno. Si Auspica che restino in loco come testimonianza di una storica tecnica di chiodatura. 5+
- Tiro 5: una fessura strapiombante ci permette di raggiungere un comodo punto di sosta. Passaggio chiave della via: 6a+ oppure A0.
- Tiro 6: seguire la fessura fino ad una cengia. (5b).
- Tiro 7: ancora per diedro e placche per fare sosta in un punto molto esposto. 5c
- Tiro 8: prima in placca poi in leggero strapiombo ed infine per fessura-diedro si raggiunge la cima. 5b.

Accesso generale
Salendo da Cortina, lasciare la macchina circa un chilometro prima del Passo Falzarego presso la casa cantoniera gestita come bar/ristorante.

Accesso
Dalla casa del Magistrato delle Acque (ora ristorante Ra Nona) seguire il sentiero che porta alla forcella del Col dei Bois (segnavia 412). Giunti in forcella si può vedere l'intero itinerario. Proseguire per tracce di sentiero in direzione nord ad un grosso sasso cubico. Guadagnare quota e portarsi sotto la parete, ometto Ore 1.

Discesa
seguire per circa 15m il canalone detritico, sulla sinistra. Quindi con una doppia di 45m sul versante nord, raggiungere il sentiero sottostante. Scendere lungo il vallone ghiaioso, oppure lungo la storica galleria del Castelletto. (portare torcia elettrica).