Selleries (Rifugio) da Villaretto, discesa su Seleiraut

difficoltà: MC / OC / S2   [scala difficoltà]
esposizione prevalente: Sud
quota partenza (m): 990
quota vetta/quota massima (m): 2080
dislivello salita totale (m): 1140
lunghezza (km): 23

copertura rete mobile
tim : 20% di copertura
no operato : 0% di copertura

contributors: emilio
ultima revisione: 22/02/10

località partenza: Villaretto (Roure , TO )

punti appoggio: Rifugio Selleries

cartografia: IGC V.Susa Chisone e Germanasca

bibliografia: Dal Monviso alla Val di Susa in MTB ed CDA

note tecniche:
Via classica di salita al Rifugio: prima lungo l'asfaltata dei sanatori Agnelli e poi sulla comoda ma sempre costante cazzozzabile sterrata. Discesa tecnica invecie sino a Selleiraut e poi su asfalto a Villaretto.
Itinerario anche descritto nella sezione MTB del sito del Rifugio

descrizione itinerario:
Da Villaretto si raggiunge Depot, si sale su asfalto con indicazioni Pra Catinat sino a raggiungere gli ex Sanatori Agnelli ora centro di soggiorno di Pra Catinat (6km) e poi ancora sino al Ponte Rosso, la porta del Forte delle Valli a 1765 m (7km).
Da qui il percorso spiana e appena dopo una fresca fontana si prosegue sino ad un prossimo bivio a dx (8 km da Depot indicazioni rif.Selleries).
Oppure, per evitare il giro al bivio, si imbocca il primo sentiero a dx che sale nel bosco, che con delle belle rampette ci congiunge al 1° tornante a sx della sterrata.
Ora su sterrato si ricomincia a salire decisi e costanti con rampe sempre ciclabili. A quota 2000 m dopo una lungo traverso in salita la strada scollina e scende verso le bergerie dello Jouglard. Un tratto pianeggiante un’ultima rampetta e finalmente si scende al pianoro del Rifugio Selleries.
(Se parcheggiato a Villaretto si seguono le indicazioni della via dei Romani sino a Chambon e Depot, verificandone la percorribilità altrimenti la st 23).

Percorso di discesa:
Dal rifugio si scende subito su sentiero che parte dal terrazzo del rifugio per un tratto subito ripido e poco ciclabile.
Dopo poco il sentiero svolta a dx con un traverso parallelo al rio per raggiungere un pendio aperto ed erboso do ve la traccia della mulattiera non può sempre essere mantenuta se si vuole tentare la discesa in sella.
Raggiunto il casotto della turbina dove viene generata la corrente del rifugio e i ruderi delle Grange Sors a 1710 m il sentiero scende a sx per attraversare il torrente nella gola su di un ponticello.
Ora su percorso sempre tecnico ma abbastanza ciclabile si scende alle bergerie Ors e dopo poco si raggiunge Seleiraut a 1500 m dove si incontra l’asfalto.
Per chi desidera proseguire la discesa su sentiero occorre proseguire sino alla chiesetta della Madonna della Neve e dal piazzale imboccare la traccia a sx che scende subito ripida e poi a tornanti nel bosco di noccioli.
Con vari successivi attraversamenti della strada asfaltata si divalla sino a Villaretto.