San Paolo Sud (Parete di) Elios

difficoltà: 6b / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud-Est
sviluppo arrampicata (m): 300
dislivello avvicinamento (m): 10

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: pardes_18
ultima revisione: 12/03/10

località partenza: Vecchia chiusa sul fiume (Arco , TN )

punti appoggio: Campeggio ad Arco

cartografia: Diego Filippi, Pareti del Sarca, Versante Sud, Milano 2007

bibliografia: Diego Filippi, Pareti del Sarca, Versante Sud, Milano 2007

note tecniche:
Ancora “Stile Grill-Heiss” alla parete di San Paolo:itinerario con alcuni passi impegnativi, protetto con etica alpinistica, ma non integrale, ovvero ci sono spit anche dove era possibile usare protezioni mobili che però avrebbero alzato il coefficiente di rischio. La roccia in alcuni punti è molto solida, in altri fratturata, nel complesso salita gradevole.

descrizione itinerario:
Avvicinamento e attacco:
Dalla piscina di Arco si prosegue la stretta strada asfaltata in direzione opposta rispetto ad Arco, superate alcune prese dell'acquedotto, sulla sx si nota il sentiero per l'eremo di S.Paolo, lasciata la macchina dove si trova posto nei pressi, si imbocca il sentierino dell'eremo lasciandolo quasi subito, per andare a seguire una traccia abbastanza evidente verso sx, che porta sotto le pareti, proseguire ai piedi della parete verso sx: nome all'attacco.

Descrizione:

L1: Attacco su lama staccata protetta con spit e clessidre. Un movimento difficile su piccole prese, VI (A0);
L2: Tettino con spit, poi si aggira una grande lama e si fa sosta, VI+;
L3: Si prende a sinistra per spigolo bianco, adesso più facile, V+;
L4: Il tiro della “fessura per pugno”, primo spit un po’ alto e poi bella fessura che purtroppo si deve abbandonare in alto per uscire a sinistra. L’uscita diretta forse era troppo dura, avrebbe richiesto friend BD n°5 o altri spits per A0, VII+/A0;
L5: Lungo e delicato traverso, VI+, su canne appena accennate e bel diedro d’uscita il leggero strapiombo, non facile, VII;
L6: Il tiro della “fessura per la mano”, fessura purtroppo con roccia un po’ scomposta, V+, tiro cortissimo, ma non conviene doppiare con il successivo;
L7: Forti strapiombi con ottime prese, roccia compatta, allungare le protezioni o sfalsare le corde, se si hanno le mezze. Sosta con spit e clessidra, si potrebbe proseguire ma c’è il solito problema dell’attrito delle corde,VI+/A0;
L8: Bella placconata integralmente protetta con cordoni in clessidrone, V+;
L9: Tiro d’uscita su blocchi e frasche varie con passo singolo aggettante in uscita, V+.

Discesa: Più che facile. Già dalla sosta si vede il sentiero di discesa.