Baou de Saint Jeannet Lou Mitan

difficoltà: 6b / 6a obbl
esposizione arrampicata: Sud-Ovest
quota base arrampicata (m): 560
sviluppo arrampicata (m): 210
dislivello avvicinamento (m): 100

copertura rete mobile
dato non disponibile

contributors: liviell
ultima revisione: 29/04/08

località partenza: Saint Jeannet (Saint-Jeannet , 06 )

punti appoggio: Saint Jeannet

bibliografia: Escalade dans Les Alps Marittimes

note tecniche:
Aperta nel 1973 da M.C. Bourdoncle e J. Gounand
Difficoltà: TD+ (6b+/6a obbl.)


Avvicinamento: dal parcheggio dopo il centro del paese imboccare la strada che porta verso il settore la Source e dopo la chiesetta lasciarla per prendere una scala cementata che sale a dx. Seguire i segni blu poi su sentiero fino a trovarsi alla base di una rampa- canale molto ripida da risalire fin quasi sotto alla parete. Da li traversare su traccia a sx fino a 50m prima della caratteristica grotta. Cercare l'attacco di "Le verte Prarie" (targhetta alla base); una volta trovato la via in questione è la prima verso sx.

Spittatura a volte mooolto allegra. Molto utili nut e friend.

descrizione itinerario:
L1: tiro breve in leggero traverso a dx, sosta in nicchia (5c+)
L2: partenza atletica a sx poi dritti su muro bellissimo a liste, sosta a sx di fianco a un terrazzino (6a+) (questo è in realtà un tiro variante che arriva alla 3° sosta della via originale. Via originale: tiro di 6a a dx poi tiro in traverso orizzontale a sx di 5c)
L3: muro fessurato impegnativo che da metà in poi è spittato bello allegro! poi piega leggermente a dx e sosta a dx in nicchia su cengia terrosa (6b+,6a,5c+)
Risalire il ripido canale misto terra-pietre (attenzione a non far cadere pietre!) e portarsi a dx alla base della parete proprio sotto un'enorme lama staccata che all'interno forma uno stretto camino..
L4: salire nel diedro rosso qualche metro poi traversare a sx e portarsi nel camino, salirlo e continuare diritti fino a sosta su terrazzino su uno spit (5c con spittatura da urlo!)
L5: traversare orizzontalmente a dx sotto l'enorme tetto, sprotetto fino a sosta su pulpito sotto tettino con spit (3c)
L6: seguire lo spit di dx, scavalcamento atletico poi in ascesa verso dx, sosta a sx su terrazzo (6a)
L7: puntare il diedro (spit con cordino) poi a sx si prende la fessura e si segue fino in sosta (6a, 5b)
Risalire i brevi risalti che portano alla base dell'ultimo paretino
L8: Salire l'evidente fessura, duro, poi in diedro fin sotto a zona strapiombante a blocchi, ribaltamento fisico, poi ultimi facili risalti e si è fuori! (6a+)

Questa descrizione differisce in alcuni punti da quella originale della guida anche se ci sembra di aver comunque percorso l'itinerario corretto, questa è stata la nostra esperienza e la nostra valutazione.
Liviell e Ribivo